Giglio Group: esteso E-commerce nel settore Food

di , pubblicato il
Giglio Group ha esteso i suoi servizi anche all’ambito Food, 
determinando con ciò l’avvio di una nuova linea di business in un settore strategico simbolo del Made in Italy.

Giglio Group, società che gestisce l’e-commerce per le eccellenze del Made in Italy nei settori Fashion e Design (comprese le attività connesse) ha amliato i suoi servizi anche all’ambito Food. Ciò rappresenta l’avvio di una nuova linea di business in un settore strategico simbolo del Made in Italy.

Il Gruppo ha sottoscritto partnership con aziende rilevanti come Riso Scotti, Fratelli Carli, Generale Conserve, Everton e Bosca. Questi nomi si aggiungono a Cameo, Fabbri e, per la parte rewarding, Grandi Salumifici italiani, già presenti nel suo portfolio grazie alla recente acquisizione di Terashop, uno dei maggiori fornitori di servizi di e-commerce in outsourcing in Italia.

Il diventare uno dei più grandi distributori digitali italiani di made in Italy nel mondo, con un portfolio di brand unico e con un’offerta di servizi sempre più innovativa, è reso possibile dalla complessa organizzazione costruita dal Gruppo, che si avvale di un team internazionale di professionisti e strutture logistiche basate su quattro hub, in Italia, Cina e Stati Uniti, e sulla sua innovativa tecnologia in continuo miglioramento e sviluppo. Attualmente 100 brand italiani hanno già deciso di affidare a Giglio Group la gestione delle vendite online e superano quota 50 le vetrine sui principali marketplace del globo.

Per sottolineare l’importanza dell’E-Commerce la società segnala inoltre che il valore del settore nel 2018 è stato pari a circa 2.875 miliardi di dollari (+ 12% rispetto al 2017). Nello stesso periodo, nell’area Asia-Pacifico, è stato di 1.892 miliardi, di cui 855 miliardi nella sola Cina. Le stime  indicano che il settore nel 2022 raggiungerà quota 4.035 miliardi di dollari. Il solo Made in Italy all’estero è pari a 462,8 miliardi di dollari l’anno e le vendite online pesano attualmente il 20% del comparto LCC.

Solo in Italia, il Food online, ha registrato un +39% nell’ultimo anno.

Argomenti: