Generali: Galatieri cauto su possibili sinergie

Il presidente Galatieri, in un'intervista rilasciata a la Stampa, ha affermato che "la dimensione, sino a un certo livello è positiva. Poi lo è meno. Vogliamo essere i migliori, non i più grandi"

di , pubblicato il
Il presidente Galatieri, in un'intervista rilasciata a la Stampa, ha affermato che

In un’intervista rilasciata a la Stampa da Gabriele Galateri, presidente di Generali, lo stesso ha affermato di credere che non ci siano “grosse sinergie nelle grandi fusioni a livello globale nel mondo delle assicurazioni. È Vero che questo è un mondo che richiede pesanti investimenti, ma lo è anche che si tratta di un universo dove il locale assume un’importante rilevanza.

La dimensione, sino a un certo livello è positiva. Poi lo è meno. Vogliamo essere i migliori, non i più grandi”.

Quanto all’assemblea di domani, in cui all’ordine del giorno è prevista l’elezione del nuovo cda (che vedrebbe la conferma di Galateri e del Ceo del Gruppo Philippe Donnet), lo stesso ha sottolineato che “il piano generali 2021 parte con un nuovo consiglio che, non a caso, è in buona misura quello che lo ha approvato.  È una convergenza importante di fattori. Un elemento di garanzia, spinta e fiducia”.

Infine, circa le lamentele di Caltagirone sulla mancanza di un rappresentante di Benetton nel Cda, Galatieri ha affermato che “le regole sono quelle che sono e non sempre si possono soddisfare tutti. Gli azionisti sono ben rappresentati in consiglio, però non essendo noi a formare le liste, non spetta a me fare commenti”.

Alle 13:12 Generali consegue una perdita dell’1,85% ad un prezzo di circa 16,99 € per azione.

 

 

Argomenti: ,