Generali: collocato con successo primo green bond

di , pubblicato il
Generali ieri ha riacquistato tre serie di titoli subordinati per 1,5 mld nominali, con prima data di call nel 2022; collocato primo green bond per 750 mln; debito ridotto di circa 250 mln.

Assicurazioni Generali ieri ha effettuato il riacquisto di tre serie di titoli subordinati con prima data di call nel 2022. Alla scadenza dell’offerta di riacquisto, l’importo nominale aggregato di tutti i titoli offerti ammontava ad 1,5 miliardi di Euro, pari a circa il 59.1% dell’importo nominale complessivo di quelli in circolazione pari a 2,56 miliardi.

Generali ha inoltre collocato un nuovo titolo Tier 2 denominato in euro con struttura bullet (rimborso del capitale in un’unica rata a scadenza) e scadenza 1° ottobre 2030, che sarà emesso sotto forma di Green Bond. Si tratta del primo Green Bond emesso da una compagnia assicurativa europea, confermando la posizione primaria di Generali in materia di Sostenibilità.

L’importo nominale della nuova emissione di Green Bond è pari a 750 milioni e sono stati raccolti ordini finali superiori a  2,7 miliardi; la domanda è stata quindi pari a circa 3,6 volte l’offerta, e proveniente da una platea molto diversificata di investitori istituzionali internazionali, compresa una presenza significativa di fondi con mandati Green/SRI. Il nuovo bond è stato emesso alla pari ed il coupon è anche il più basso mai pagato da Generali su un titolo subordinato, precisamente pari al 2,124% p.a. e pagabile annualmente in via posticipata. Il rating previsto per l’emissione è pari a “a-” per AM Best, “BBB” per Fitch e “Baa3” per Moody’s.

Grazie a tali operazioni, sottolinea il CFO del Gruppo Cristiano Borean, sarà ridotto “il nostro debito esterno per circa €250 milioni. Inoltre, esse condurranno a una riduzione delle spese annue lorde per interessi di circa €68 milioni, il che significa che il Gruppo supererà il valore più alto del target di riduzione di spese per interessi di € 70-140 milioni annunciato l’anno scorso.

Questi due importanti obiettivi sono stati raggiunti in meno di un anno dal loro annuncio”.

Argomenti:

I commenti sono chiusi.