Galaxy S3 e Galaxy Note 2 spingono Samsung e spaventano Apple

Samsung punta sul lancio del nuovo Galaxy Note 3 per continuare a tenere sotto pressione un'Apple che, dopo la morte di Jobs, sembra aver perso di fascino

di Giuseppe Timpone, pubblicato il

Trimestrale record per la società sud-coreana Samsung, che ha chiuso il primo trimestre dell’anno con un utile netto di 7.150 miliardi di won, pari a 6,44 miliardi di dollari, più dei 6.730 miliardi di won del consensus Bloomberg e mettendo a segno un aumento del 42% sui 5.050 miliardi del primo trimestre del 2012.

In forte crescita anche il fatturato, che passa dai 45.270 miliardi ai 52.870 miliardi di won (47,6 miliardi di dollari), per una crescita del 16,8%, mentre ancora più spettacolare è il boom dell’utile operativo, cresciuto del 54,35% a 8.780 miliardi di won.

I dati sono stati trascinati in netto rialzo dal lancio nel 2012 di due prodotti di grande successo, il Galaxy S3 e il Galaxy Note 2. E, tuttavia, i coreani non vogliono dormire sugli allori e quando siamo in attesa dell’imminente uscita del Galaxy S4 Samsung di domani, il vice-presidente senior e capo della divisione Investor Relations, Robert Ji, spiega che la Samsung ha presente come la ripresa mondiale sia più lontana del previsto e che la crisi nell’Eurozona morda, per cui punterà maggiormente a investire in ricerca e sviluppo, per anticipare la concorrenza.

 

Trimestrale Apple: profitti in calo per la prima volta in dieci anni

In effetti, al boom di Samsung fa da contraltare la prima trimestrale dopo dieci anni con utili in calo di Apple, che ha chiuso il suo secondo trimestre fiscale (gennaio-marzo 2013) con profitti a 9,55 miliardi (-18% su base annua), malgrado una crescita del fatturato. La vendita nel primo trimestre di 37,5 milioni di iPhone (+6,6%) e di 19,5 milioni di iPad (+65%) non ha allentato i timori degli investitori su una possibile sopravvalutazione del titolo di Cupertino, che a settembre viaggiava oltre i 700 dollari e oggi si attesta poco sopra i 400 dollari.

In effetti, in pochi si attendevano un successo così eclatante della linea Galaxy, che oltre a risultare per molti consumatori anche qualitativamente migliore, offre prezzi più bassi. Il quarto modello dovrebbe distinguersi dall’S3 per un display più grande e per la presenza di un sensore che consente all’utente di sfogliare le pagine web con solo una lieve flessione del polso.

Poche informazioni disponibili, invece, per l’iPhone 6 e l’iPad Mini 2. La prima incertezza, in effetti, riguarda i tempi del lancio sul mercato, cosa che sta danneggiando l’immagine di Apple e crea apprensione sul titolo in borsa. Sarà in grado di fronteggiare le versioni nuove dei modelli Samsung? Da una disamina superficiale, ma indicativa, si fa notare come l’atteso Galaxy Note 3 dovrebbe continuare a distinguersi per l’alta qualità della sua camera da 13 MP, la nitidezza delle sue immagini e la durata straordinaria della batteria, tutti elementi che rischiano di mettere in crisi l’iPad Mini 2. La sensazione è che da oggetto di cult, come senz’altro ancora oggi sono i melafonini e gli iPad Apple, i consumatori vorrebbero iniziare a vedere in loro qualche caratteristica funzionale realmente distintiva, anche perché con la morte di Steve Jobs sembra venir meno il fascino che circondava Cupertino.

Argomenti: Borsa USA