Fusione Telecom 3 Italia: i dubbi di Equita sull’operazione

Il quadro normativo italiano, secondo gli esperti della sim milanese, potrebbe bloccare il deal. Telecom ne ribadisce i contatti in corso e annuncia che giovedì uscirà un comunicato in merito alle posizioni dei soci

di Carlo Robino, pubblicato il

Telecom Italia su richiesta della Consob ribadisce l’esistenza di contatti in corso con Hutchison Whampoa volti a verificare la fattibilità di un percorso di integrazione con 3 Italia. Il colosso tlc ha fatto poi sapere che il tema verrà discusso nell’assemblea del prossimo 11 aprile in cui verrà diramato un comunicato. Intanto gli analisti di Equita sim ragionano sul possibile deal che, novità della giornata, potrebbe concretizzarsi con l’ingresso in Telecom Italia del colosso cinese (Telecom Italia non fa prezzo: Hutchison Whampoa pronta a un’offerta?). Per il broker italiano l’operazione potrebbe facilitare l’uscita dei soci di Telco – la holding che controlla il capitale di Telecom Italia – interessati a sfruttare in settembre la prima finestra del patto (ovvero l’?opportunità di richiedere la disdetta in anticipo) in scadenza a febbraio 2015?. Una fusione Telecom – 3 Italia viene però ritenuta poco probabile a causa delle normative italiane, in quanto vi sarebbe l’ingresso di un investitore straniero nel business nazionale strategico delle telecomunicazioni?. Su questo scenario comunque Telecom continua ad essere acquistata a Piazza Affari registrando un rialzo del 3,40% a quota 0,5935 euro per azione.

Argomenti: Borsa Milano, Telecom Italia