Fusione Fonsai Unipol: il dossier è ora in mano all’Ivass

Cresce l'attesa del mercato per le dismissioni che Unipol deve realizzare nel comparto Rc auto per adempiere agli obblighi Antitrust. Fonsai sugli scudi a Piazza Affari

di , pubblicato il
La fusione tra Unipol e Fondiaria Sai si fa sempre più vicina

Nuovo passo in avanti lungo la strada dell’attuazione della fusione Unipol Fonsai che dovrebbe concretizzarsi ed essere pienamente operativa nel mese di luglio. La compagnia assicurativa bolognese ha inviato all’Ivass il progetto di fusione a quattro con Fondiaria Sai, Milano Assicurazioni e Premafin.

A norma di legge l’Ivass (la nuova autorità di controllo sul settore assicurativo che ha sostituito l’Isvap) ha ora 120 giorni di tempo per istruire, esaminare e prendere una decisione sul dossier dell’anno. 

A comunicare l’avvenuto inoltro della pratica è stato Gianluca Santi, responsabile pianificazione di Unipol, intervenuto a termine dell’Italian Financial Services Conference, organizzato da Ubs a Milano. La notizia dell’avvio di questo ulteriore passo in avanti verso l’integrazione delle quattro società nella nuova Unipol Sai è molto importante ed è il motivo alla base della pioggia di acquisti che sta interessando Unipol e Fondiaria Sai a Piazza Affari. Il titolo della compagnia bolognese, infatti, sta mettendo in cassaforte il 2,74% mentre va ancora meglio per Fonsai che guadagna oltre 5 punti.

 

Unipol raccoglie le manifestazioni di interesse

A fare da catalizzatore è anche l’attesa per le possibili decisioni in merito alle dimissioni, per complessivi 1,7 mld di premi, imposte dall’Antitrust a Unipol come condizione per poter procedere con l’integrazione. Come abbiamo riportato in più di una occasione le dismissioni riguardano in gran parte il comparto dell’RC auto. I pretendenti non mancano. Importanti gruppi del calibro di Liberty International, Axa, Zurich e Allianz si sarebbero già fatti avanti con Bologna. Unipol, dal canto suo, pur non confermando nessuno dei rumors che da mesi circolano in merito, avrebbe già avviato l’invio ai soggetti interessati della documentazione informativa sugli asset in vendita. 

Argomenti: , , ,