Ftse Mib stretto tra stacco dividendi e rally spread Btp/Bund

Il Ftse Mib paga l'allargamento dello spread Btp/Bund causato dall'ormai certo governo Lega-5 Stelle

di Enzo Lecci, pubblicato il
Il Ftse Mib paga l'allargamento dello spread Btp/Bund causato dall'ormai certo governo Lega-5 Stelle

La borsa di Milano ha chiuso la seduta di oggi con l’indice Ftse Mib in flessione dell’1,52%. Il ribasso del paniere di riferimento di Piazza Affari è stato causato dallo stacco di numerosi dividendi di quotate sul Ftse Mib e dal nuovo allargamento dello spread Btp Bund a sua volta sostenuto dalle novità politiche sul governo Lega-5 Stelle.  Per quello che riguarda le cedole oggi ben 19 dei 40 titoli del Ftse Mib hanno staccato il dividendo con un effetto sull’indice di circa l’1,7%. Non è quindi stato un caso se ai piani bassi del paniere di riferimento di Piazza Affari si sono collocate quotate impegnate con lo stacco della cedola. In particolare Azimut ha segnato un calo del 10%, Intesa Sanpaolo ha perso il 7,3% e UnipolSai ha segnato un calo del 6,7% (Effetto stacco dividendi sul Ftse Mib: giù Azimut e UnipolSAI).

Nonostante la seduta negativa di Piazza Affari, comunque, non sono mancati titoli positivi con Fca che ha guadagnato il 2,6% (FCA vola grazie al rafforzamento del Dollaro sull’Euro) e Saipem che ha messo a segno un balzo del 2,1%.

Argomenti: Borsa Milano

I commenti sono chiusi.