Ftse Mib imbottito di rossi: nessun titolo si salva dai venti di guerra in Nord Corea

Netto predominio delle vendite a Piazza Affari dopo circa un'ora dall'avvio degli scambi.

di , pubblicato il
Netto predominio delle vendite a Piazza Affari dopo circa un'ora dall'avvio degli scambi.

Dopo circa un’ora dall’apertura delle contrattazioni la situazione a Piazza Affari è questa: nessun titolo del paniere di riferimento sta registrando una variazione positiva. Il Ftse Mib è, infatti, completamente imbottito di segni negativi. A fare peggio di tutti è Banca Generali che sta segnando un ribasso del 3,5%. Rosso intenso anche per Mediaset, Exor e Anima Holding con il titolo del Biscione in flessione del 2,33%, la holding del Lingotto a -2,1% e la quotata attiva nel risparmio gestito in calo del 2%.

A determinare il rosso intenso sul Ftse Mib sono le notizie in arrivo dall’Asia. La Nord Corea ha, infatti, lanciato un missile balistico nelle acque del Giappone per la prima volta dal 2009. Secondo il governo nipponico l’atto è da considerarsi come “una minaccia senza precedenti, grave e seria” (Corea del Nord lancia missile in Giappone, ecco perché Kim Jong-Un scatena il panico in Asia).

Insomma la tensione geopolitica nello scacchiere orientale è in crescita visto che certamente gli Stati Uniti non resteranno fermi dinanzi a questa ennesima provocazione del regime nord coreano. Piazza Affari, comunque, non è la sola borsa in difficoltà oggi. Tutti i mercati del Vecchio Continente, infatti, hanno aperto la giornata con vistosi rossi.

Argomenti:

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.