Fiera Milano: nel 2018 raggiunta straordinaria crescita dell’utile netto. Proposto dividendo di 0,13 €

Il gruppo Fiera Milano chiude il 2018 con utile netto in crescita del 994,1% a 18,6 milioni contro gli 1,7 milioni del precedente esercizio.

di , pubblicato il
Il gruppo Fiera Milano chiude il 2018 con utile netto in crescita del 994,1% a 18,6 milioni contro gli 1,7 milioni del precedente esercizio.

Il Cda di Fiera Milano ha approvato il progetto di bilancio del 2018, archiviato con i ricavi delle vendite e delle prestazioni attestatisi a 247,2 milioni ed in leggera diminuzione rispetto ai 256,3 milioni del 2017 (-3,5% a/a), nonostante un anno caratterizzato da un calendario fieristico più avverso.

A livello di gestione operativa, il gruppo  ha riportato una forte crescita dei margini, con l’Ebitda che balza di più del 110% a 31,9 milioni (contro i 15,1 milioni nel 2017), in miglioramento anche rispetto alle stime che attendevano circa 28-30 milioni; l’Ebit risulta in progresso a 25,1 milioni.

Il risultato economico consolidato si è chiuso infine con un utile netto di 18,6 milioni, in netto progresso rispetto agli 1,7 milioni del precedente esercizio (con relativa variazione positiva del 994,1% a/a).

Sul fronte della situazione patrimoniale, al 31 dicembre 2018 la posizione finanziaria netta risulta positiva per 23,7 milioni (liquidità ), in drastico miglioramento rispetto ad un debito netto di 0,8 milioni a fine 2017.

A seguito di quanto riportato, il Cda ha proposto agli azionisti la distribuzione di un dividendo lordo di 0,13 euro per ogni azione ordinaria, corrispondente ad un totale di circa 9,23 milioni di €. Il dividendo, se approvato in assemblea sarà pagato dall’8 maggio 2019, con stacco cedola in data 6 Maggio 2019.

La dinamica del business stimato e le efficienze gestionali conseguite permettono al gruppo di revisionare al rialzo il target sull’Ebitda per il 2019 previsto a 31-33 milioni nel piano strategico 2018-2022 ( reso noto al mercato a Maggio 2018), aumentandolo in un range compreso fra 36 e 40 milioni.

Argomenti:

I commenti sono chiusi.