Fiat boom: il Ftse Mib crede alle parole di Marchionne

L'approvazione dei conti 2012 mette le ali al Lingotto. Giudicate positive le parole del top manager sul futuro di Fiat

di , pubblicato il

Ben impostato il titolo Fiat a Piazza Affari. Il Lingotto infatti guadagna il 4,26% a 4,21  euro per azione all’indomani dell’approvazione da parte degli azionisti del bilancio d’esercizio 2012 (Fiat, impennata a Piazza Affari dopo ok al bilancio 2012). A detta degli analisti di Equita la conferma della guidance 2013 e l’allontanamento dell’ipotesi di aumento di capitale per la scalata a Chrysler sono elementi molto positivi per il prosieguo del gruppo automobilistico. La sim milanese fa notare che non sono emerse particolari novità o quantomeno delle anticipazioni per quanto riguarda la decisione del tribunale del Delaware sul prezzo della prima call option sul 3,3% di Chrysler detenuta da Veba. La scalata a Chrysler, che porterà nel 2014 alla tanto attesa fusione, verrà finanziata tramite la dismissione di Magneti Marelli e del 2,8% di Fiat Industrial. Assolutamente fuori dai pensieri dell’ad Sergio Marchionne la cessione di Ferrari, definita dall0 stesso manager italo-canadese, un “asset impagabile”. Su queste considerazioni Equita ha confermato il rating Fiat a hold e il target price Fiat  a 4,7 euro.

Argomenti: , ,