Ferrari: romba il motore con la trimestrale ma titolo va in rosso in borsa

Trimestrale molto forte per Ferrari che ha anche aggiornato la guidance sul 2017. Tutto però è stato inutile perchè a prevalere sono state le vendite

di , pubblicato il
Trimestrale molto forte per Ferrari che ha anche aggiornato la guidance sul 2017. Tutto però è stato inutile perchè a prevalere sono state le vendite

Ferrari ha presentato pochi minuti fa la trimestrale. Come ampiamente prevedibile i risultati del terzo trimestre del Cavallino sono caratterizzati da una netta prevalenza di segni positivi. Nel dettaglio, Ferrari ha chiuso il trimestre con un utile netto adjusted pari a 141 milioni di euro, in aumento di 28 milioni ossia del 24% rispetto all’analogo trimestre del 2016. Variazione positiva anche per i ricavi netti che si sono attestati a quota 836 milioni di euro facendo registrare una progressione del 6,7% (+9,3% a cambi costanti) rispetto al terzo trimestre 2016.

Per quello che riguarda le vetture consegnate, nel terzo trimestre questo dato ha raggiunto le 2.046 unità, con un incremento di 68 unità (ossia del 3,4%) rispetto allo stesso periodo di un anno fa.
Per quanto concerne i risultati sui nove mesi, Ferrari ha messo a segno un utile pari a 401 milioni di euro, il 35% in più su base annua, ricavi per complessivi 2,577 miliardi (+14% su base annua) e un Ebitdaa che è stato pari a  788 milioni ossia il 25% in più.

Le notizie positive per Ferrari non riguardano però solo i conti trimestrale ma anche la guidance. Il gruppo di Maranello ha infatti rivisto al rialzo le sue prospettive per il 2017. Più nel dettaglio i ricavi netti sono ora visti a circa 3,4 miliardi, in aumento rispetto ai 3,3 miliardi indicati in precedenza mentre l’ebitda adjusted è visto a 1 miliardo, in progressione rispetto ai 950 milioni della precedente guidance. Per finire, l’indebitamento industriale netto è visto sotto quota 500 milioni, in flessione rispetto ai circa 500 milioni indicati in precedenza dal Cavallino.

Nonostante i buoni conti trimestrali e il miglioramento dell’outlook, il titolo Ferrari a Piazza Affari sta segnando un ribasso del 2%. L’impressione è che siano scattate le naturali prese di profitto dopo il forte rally dei giorni scorsi che ha portato il prezzo delle azioni Ferrari a salire sopra i 100 euro.

Argomenti: ,