FCA-PSA: è ufficiale, al via il 4° gruppo automobillistico al mondo

di , pubblicato il
Dopo le riunioni dei board di ieri di FCA e PSA i rispettivi CEO hanno firmato l'intesa vincolante che determinerà la nascita del 4° gruppo al mondo per volumi e il 3° in base al fatturato.

Oggi è arrivata l’ufficialità. Dopo le riunioni dei board di ieri di FCA e PSA i rispettivi CEO hanno firmato l’intesa vincolante che determinerà la nascita del 4° gruppo al mondo per volumi e il 3° in base al fatturato.

Il nuovo gruppo avrà una presenza geografica molto più bilanciata, con il 46% dei ricavi generati in Europa e il 43% in Nord America, sulla base dell’aggregazione dei dati 2018 delle due società. L’aggregazione fornirà anche al nuovo gruppo l’opportunità di ridefinire la strategia in altre regioni.

I risparmi associati alle tecnologie, ai prodotti e alle piattaforme dovrebbero rappresentare il 40% circa dei 3,7 miliardi di euro di sinergie annuali a regime, mentre i risparmi relativi agli acquisti – che beneficeranno principalmente delle economie di scala e degli allineamenti al miglior prezzo – rappresenteranno un ulteriore 40% di tali sinergie. Il restante 20% sarà rappresentato da risparmi in altre aree, tra cui marketing, IT, spese generali e amministrative e logistica. Queste stime di sinergie non prevedono alcuna chiusura di stabilimenti in conseguenza dell’operazione. Le sinergie stimate genereranno un flusso di cassa netto positivo già dal primo anno e che l’80% circa delle sinergie sarà raggiunto entro il quarto anno. Il costo una tantum per raggiungere tali sinergie è stimato in 2,8 miliardi di euro

In base allo statuto proposto per la società risultante dalla fusione nessun azionista avrà diritto di
voto in misura eccedente il 30% dei voti espressi in assemblea. Si prevede inoltre che non ci sarà
alcun trasferimento dei diritti di doppio voto esistenti, ma che i nuovi diritti di doppio voto speciale
matureranno dopo un periodo di detenzione delle azioni di tre anni dal perfezionamento della
fusione.

È previsto un periodo di standstill di 7 anni a partire dal perfezionamento della fusione per le
partecipazioni azionarie di EXOR, Bpifrance, Dongfeng Group (DFG) e la famiglia Peugeot. Unica eccezione, a EPF/FFP sarà concesso di aumentare del 2,5% la propria partecipazione nella società risultante dalla fusione (o del 5% a livello di Groupe PSA), tramite l’acquisto di azioni da Bpifrance e/o da DFG e/o sul mercato.

Il perfezionamento dell’operazione dovrebbe avvenire in 12-15 mesi

 

Argomenti: ,