FCA: multa con forte sconto in Usa per emissioni diesel (indiscrezioni)

A quanto ammonterà che multa che FCA riceverà per chiudere lo scandalo emissioni diesel in Usa?

di Enzo Lecci, pubblicato il
A quanto ammonterà che multa che FCA riceverà per chiudere lo scandalo emissioni diesel in Usa?

Mentre a Piazza Affari la quotazione Fca sta registrando un calo dell’1,45%, con il Lingotto che si conferma tra i peggiori titoli della seduta di oggi, a tenere banco tra gli investitori è sempre la questione della multa che Fca avrebbe ricevuto per lo scandalo emissioni diesel in Usa. Quello che è certo è che oggi dovrebbe esserci l’annuncio ufficiale sull’ammontare della sanzione che il Lingotto avrebbe ricevuto. Le indiscrezioni di stampa, pur non convergenti su un unico ammontare, sono concordi nel ritenere che la multa sarà decisamente a sconto rispetto a quanto fu lasciato trapelare nel momento in cui scoppiò lo scandalo. Ma vediamo più nel dettaglio.

Secondo l’Associated Press, Fca, per mettere la parola fine allo scandalo, sarà chiamata a sborsare circa 650 milioni di dollari. Fca sarà tenuta a pagare 311 milioni di dollari al governo federale e alla California, 280 milioni per risarcire i proprietari delle auto sotto accusa e altri 72 milioni agli altri stati. Secondo Bloomberg, però, l’ammontare totale della multa non dovrebbe superare i 500 milioni di dollari.

Sia nel caso in cui la multa che sarà comminata a Fca dovesse essere pari a 650 milioni di euro che nel caso in cui la sanzione dovesse essere pari a 500 milioni di euro, comunque saremo molto lontani da quelle che erano le cifre ipotizzate nel momento in cui scoppiò lo scandalo diesel. Ricordiamo, infatti, che allora si parlò di una potenziale sanzione di circa 4,6 miliardi di dollari circolata quando il caso era scoppiato. Ricordiamo anche che il Dipartimento di giustizia Usa era intervenuto dopo le accuse mosse dall’EPA (l’Environmental Protection Agency, ovvero l’agenzia americana per la protezione dell’ambiente) nei confronti di Fca per non aver comunicato l’esistenza di un software installato nei motori diesel di 104 mila veicoli venduti negli Stati Uniti (Jeep Grand Cherokee e Dodge Ram 1500 prodotti nel periodo 2014-16). Ad ottobre, nell’ambito della presentazione disultati trimestrali, Fca aveva fatto sapere di avere accantonato circa 713 milioni di euro nel terzo trimestre “per costi stimati in relazione alle problematiche del diesel negli Stati Uniti”.

 

Argomenti: FCA