FCA crolla fino a 13 euro, analisti bocciano taglio stime sulla liquidità

Equita spiega perchè la quotazione FCA affonda il giorno dopo la pubblicazione dei conti trimestrali

di Enzo Lecci, pubblicato il
Equita spiega perchè la quotazione FCA affonda il giorno dopo la pubblicazione dei conti trimestrali

Seduta da incubo per Fca che a Piazza Affari sta segnando un ribasso del 3,6% dopo essere arrivata a perdere quasi il 4% galleggiando a stenti poco sopra i 13 euro per azione. Il forte calo della quotazione Fca è da mettere in relazione con i conti trimestrali pubblicati ieri. Tra l’altro la reazione del mercato ai risultati trimestrali di Fca era stata già fredda con il titolo che già ieri aveva terminato la seduta in rosso (Dividendo straordinario per FCA, ricavi in crescita nei primi nove mesi).  Nonostante i dati migliori delle attese sul trimestre e la maxi cedola da 2 miliardi, gli investitori preferiscono vendere azioni Fca. Secondo alcuni analisti il titolo è penalizzato per la revisione al ribasso delle stime sulla liquidità.

A tal riguardo gli analisti di Equita hanno ridotto il target price sul titolo del 4% a 17,8 euro per il maggior debito. Fca ha confermato tutti i target di fine anno, ma la liquidità netta industriale è stata tagliata al ribasso dai 3 miliardi precedenti a un range tra 1,5 e 2 miliardi. Gli analisti di Equita affermano che “nel terzo trimestre l’intero Ebit adjusted proviene dal Nafta mentre sono in perdita Emea (-25 mln) penalizzato dalla procedura WLTP (Worldwide Harmonized Light Vehicle Test Procedure) e Apac (-96 mln) per la Cina debole”.

Argomenti: col_Rullo, FCA