Eni e Saipem crollano dopo tracollo prezzo petrolio

L'OPEC taglia le stime sulla domanda globale di petrolio e a Piazza Affari Saipem e Eni affondano

di Enzo Lecci, pubblicato il
L'OPEC taglia le stime sulla domanda globale di petrolio e a Piazza Affari Saipem e Eni affondano

Vendite molto forti in apertura di contrattazioni su Eni e su Saipem. Le due quotate stanno segnando un ribasso del 2% e del 2,7% a causa del forte calo del prezzo del petrolio. Il greggio ha infatti perso il 7% nella seduta di ieri con il petrolio Wti che oggi è sceso a 55 dollari al barile e il Brent che è crollato 65 dollari al barile. Il tracollo del prezzo del petrolio è stato causato dalla decisione dell’Opec di tagliare le stime sulla domanda globale. La crescita della domanda mondiale di petrolio è vista quest’anno a 1,50 milioni di barili al giorno, una revisione al ribasso di 40.000 barili rispetto al mese precedente, per arrivare ad una domanda totale di 98,79 milioni di barili al giorno. Revisione al ribasso dovuta alla domanda inferiore al previsto dal Medio Oriente e, in misura minore, dalla Cina.

Argomenti: Borsa Milano