Eni annuncia una nuova scoperta nel mare di Barents

Forte balzo in avanti per Eni in una seduta che vede tutto il Ftse Mib intonato positivamente

di Enzo Lecci, pubblicato il
Forte balzo in avanti per Eni in una seduta che vede tutto il Ftse Mib intonato positivamente

Buone notizie per Eni. Il Cane a Sei Zampe ha reso noto di aver effettuato una nuova scoperta a olio nella licenza PL532 nel Mare di Barents Occidentale, realizzata attraverso il pozzo esplorativo 7220/5-3, perforato in 409 metri d’acqua sul prospetto denominato Skruis nella licenza PL532 (Equinor 50% Op., Eni 30% e Petoro 20%).

Il pozzo si trova a circa 230 chilometri a nord ovest della città di Hammerfest e pochi chilometri a nord del campo di Johan Castberg per il quale è stato approvato il piano di sviluppo nel giugno 2018 e del quale è prevista l’entrata in produzione nel 2022.

L’obiettivo esplorativo del pozzo era di testare il potenziale a idrocarburi delle sequenze del Giurassico medio.  Il pozzo ha incontrato 34m di colonna a olio leggero in un singolo orizzonte di arenarie con ottime proprietà petrofisiche.

Le stime preliminari della scoperta indicano un range di volumi tra 50 e 60 milioni di olio in posto, 15-25 milioni di barili recuperabili, con potenziale addizionale da valutare.

Il titolo Eni in borsa sta segnando oggi un rialzo del 2,11% contro un Ftse Mib che avanza del 2,31%.

Argomenti: Eni