Enel: ecco i componenti del nuovo consiglio di amministrazione

di , pubblicato il

enelL’assemblea degli azionisti di Enel Green Power ha nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione – il cui mandato scadrà in occasione dell’approvazione del bilancio dell’esercizio 2016 – che sarà composto da:

– Maria Patrizia Grieco (nominata quale Presidente)
– Francesco Starace
– Alessandro Banchi
– Alberto Bianchi
– Paola Girdinio
– Salvatore Mancuso
– Alberto Pera
– Anna Chiara Svelto
– Angelo Taraborrelli

Le liste di provenienza e i profili professionali dei componenti il nuovo Consiglio di Amministrazione sono reperibili sul sito internet aziendale.
L’Assemblea ha altresì fissato il compenso del Presidente del Consiglio di Amministrazione in 90.000 euro lordi annui e quello di ciascuno degli altri Consiglieri in 80.000 euro lordi annui.
Per quanto concerne poi la remunerazione degli Amministratori con deleghe di Enel S.p.A. e delle sue controllate italiane, l’Assemblea ha deliberato, ai sensi dell’art. 84-ter del Decreto Legge 21 giugno 2013 n. 69 (convertito con Legge 9 agosto 2013, n. 98), che il relativo compenso debba essere ridotto nel presente mandato di almeno il 25% rispetto al trattamento economico complessivo previsto per gli Amministratori con deleghe nel mandato appena concluso.
L’Assemblea ha infine espresso in sede ordinaria voto favorevole sulla sezione della relazione sulla remunerazione che illustra la politica adottata dalla Società per l’esercizio 2014 in materia di remunerazione degli Amministratori, del Direttore Generale e dei Dirigenti con responsabilità strategiche.
In sede straordinaria l’Assemblea ha anzitutto approvato la proposta dell’Azionista Ministero dell’Economia e delle Finanze, formulata ai sensi dell’art. 2367 del codice civile, di introdurre nello statuto sociale una clausola in materia di requisiti di onorabilità e connesse cause di ineleggibilità e decadenza dei componenti il Consiglio di Amministrazione, con le conseguenti modifiche dello statuto stesso.

Sempre in sede straordinaria l’Assemblea ha infine approvato la proposta di modifica dello statuto sociale formulata dal Consiglio di Amministrazione e volta a introdurre la possibilità di tenere le adunanze assembleari in una pluralità di convocazioni, in alternativa all’unica convocazione attualmente prevista.

Argomenti: