Dividendo Ubi Banca 2014 a 0,06 euro, utile 2013 stupisce il mercato

Pioggia di acquisti su Ubi Banca dopo la pubblicazione dei conti 2013. A lasciare positivamente sorpresi è stato il dato sull'utile netto

di Enzo Lecci, pubblicato il

Ubi BancaBuone notizie per tutti i possessori di azioni Ubi Banca. Il consiglio di amministrazione della quotata del comparto popolari, infatti, ha deciso di proporre all’assemblea degli azionisti un dividendo Ubi banca 2014, relativo ossia all’esercizio 2013, pari a 0,06 euro per ciascuna delle 900.048.572 azioni Ubi che sono attualmente in circolazione. Il monte dividendi ammonterà a circa 54 milioni di euro, a valere sull’utile della Capogruppo. Due le date che i possessori di titoli del gruppo bancario dovranno segnare sul calendario: 19 maggio e il 22 maggio. Il 19 è la data di stacco del dividendo Ubi Banca 2014 mentre il successivo 22 è la data di pagamento. 

 

Utile Ubi Banca in apprezzabile miglioramento

La presenza di una cedola comunque importante se si considera il momento non certamente facile che il settore bancario sta vivendo,  fa da specchio ai buoni numeri che la banca ha messo a segno nel 2013. Ubi Banca, infatti, ha fatto registrare nel 2013 un utile netto consolidato pari a 250,8 milioni di euro contro gli appena 82,7 milioni nel 2012. Questo risultato è stato possibile grazie all’ottima performance di Ubi nel quarto trimestre 2014. La banca, infatti, negli ultimi 4 mesi dell’esercizio ha messo a segno un utile pari a 148,9 milioni, in crescita rispetto ai 49 milioni del 3° grazie al miglioramento dei ricavi, che hanno contribuito a controbilanciare l’incremento del costo del credito. L’ultimo trimestre dell’anno ha inoltre beneficiato dell’effetto positivo delle modifiche alla normativa fiscale contenute nei provvedimenti di fine anno.

Sul fronte patrimoniale, Ubi Banca ha confermato la sua solidità. L’istituto, come affermato dallo stesso management e riconosciuto dai dati pubblicati dai maggiori player internazionali,rispetta i requisiti di Basilea 3. Il Common Equity Tier 1 Ratio stimato a regole Basilea 3 a regime risulta confermato sopra al 10%, gli indicatori di liquidità, sia a breve (Liquidity Coverage Ratio) che a medio termine (Net Stable Funding Ratio) risultano maggiori di 1, la leva finanziaria secondo le regole di Basilea 3 è superiore al 5,1%, e significativamente migliore del 3% richiesto. In base alle regole vigenti al 31/12/2013, il Core Tier 1 Ubi Banca ammonta al 12,6%, il Tier 1 al 13,2% e il Total capital Ratio al 18,9%.

 

In avvio di contrattazioni Ubi Banca sta registrando una progressione del 2,58%.

 

Argomenti: Borsa Milano, col_Rullo, Dividendi, Trimestrali, Ubi Banca

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.