Dividendo Tenaris 2018 a 0,41 euro (acconto e saldo), boom utile nel 2017

di , pubblicato il
Subito forti acquisti su Tenaris in apertura di contrattazioni a Piazza Affari dopo la presentazione dei conti 2017

Buone notizie per i possessori di azioni Tenaris. Il consiglio di amministrazione della quotata ha deciso di riconoscere un dividendo Tenaris 2018, relativo ossia all’esercizio 2017, pari a 0,41 euro per azione. Considerando che la società aveva già staccato un acconto sul dividendo pari a 0,13 dollari, il saldo sul dividendo Tenaris 2018 sarà quindi pari a 0,28 dollari. Due le date che gli  investitori dovranno tener ben presenti: il 21 maggio e il 23 maggio. Il 21 maggio, infatti, previsto lo stacco del saldo che sarà poi pagato a partire dal 23 maggio. Nel confronto con la cedola riconosciuta sull’esercizio 2016, il dividendo Tenaris è praticamente invariato.

La possibilità di confermare l’ammontare del dividendo c’è stata grazie ai buoni conti 2017 della quotata. Tenaris ha chiuso lo scorso esercizio con un forte aumento dei ricavi e dell’utile. Nel dettaglio i ricavi di Tenaris hanno segnato una progressione del 23% a quota 5,29 miliardi di dollari contro i 4,29 miliardi realizzati nell’esercizio precedente mentre l’utile netto è aumentato da 55,3 milioni a 544,74 milioni di dollari ovvero 0,46 dollari per azione. Ottime indicazioni anche dal risultato operativo di Tenaris, che è passato da un valore negativo di 59,06 milioni di dollari a un utile di 334,59 milioni di dollari.

Per quello che riguarda il solo quarto trimestre, i ricavi di Tenaris hanno segnato un aumento del 52%, passando da 1,05 miliardi a 1,59 miliardi di dollari, In forte miglioramento anche l’utile netto, che è cresciuto da 33,8 milioni a 160,23 milioni di dollari.

Per finire, sul fronte patrimoniale a fine 2017 la posizione finanziaria netta era positiva per 680 milioni di dollari, rispetto agli 1,13 miliardi di inizio anno, in conseguenza all’incremento del capitale circolante e al pagamento dei dividendi.

Il titolo Tenaris sta segnando in avvio di seduta un rialzo dell’1,3% posizionandosi al vertice del Ftse Mib.

Argomenti: , ,