Dividendo Sabaf 2013 quasi dimezzato, crolla l’utile 2012

Sabaf ha chiuso l'esercizio 2012 con numeri in forte calo a causa della crisi nei mercati di riferimento

di Enzo Lecci, pubblicato il

Il consiglio di amministrazione di Sabaf ha deciso di proporre all’assemblea degli azionisti un dividendo 2013, relativo all’esercizio 2012 pari a 0,35 euro per azione. L’ammontare dei dividendi che intascheranno i possessori di azioni della quotata è poco più della metà rispetto alla cedola distribuita lo scorso anno (0,6 euro per azione).

 

Data di stacco dividendo Sabaf 2013: le indicazioni del cda

Lo stacco della cedola è previsto per il 20 maggio con pagamento a partire dal successivo 23 maggio.

 

Risultati Sabaf 2012: a pesare sui conti è la crisi

Il drastico taglio dell’ammontare della remunerazione degli azionisti è stato il frutto della forte compressione di utile, ricavi e Ebitda della quotata a sua volta da imputare alla crisi del mercato di riferimento in cui opera Safab. In questo contesto i ricavi di vendite del gruppo sono stati pari a 130,7 mln di euro, il 12% in meno rispetto a quanto è stato messo in cassa nell’esercizio precedente. Secondo il comunicato stampa della società è quindi evidente che l’erosione in corso in Europa non è stata bilanciata dalla leggera progressione dei paesi extraeuropei. A picco anche l’Ebitda Sabaf che è sceso a 15,8 mln di euro, il 35,6% in meno rispetto allo scorso esercizio. Ancora peggio hanno fatto l’utile netto e l’Ebit con il primo calato del 79,9%  e il secondo in flessione del 70,8%. 

Un leggero miglioramento delle performance di Sabaf potrebbe essere possibile nell’anno in corso. 

 

Argomenti: Borsa Milano, Sabaf