Dividendo Equita 2018 a minimi 0,2 euro, titolo positivo dopo conti trimestrali

di , pubblicato il
Utile in aumento per Equita nei primi nove mesi del 2017, buone anche le indicazioni sul fronte patrimoniale

Buone notizie per i possessori di azioni Equita. Il consiglio di amministrazione della sim milanese ha ribadito la sua intenzione di proporre all’assemblea ordinaria degli azionisti la distribuzione di un dividendo 2018, relativo ossia all’esercizio 2017, che sarà pari minimo a 0,20 euro per azione. L’ammontare minimo della cedola iene ritenuto dal CdA stesso di Equita “in linea con la capacità dimostrata storicamente di remunerare gli azionisti e garantendo un significativo rendimento sul prezzo corrente dell’azione”.

La conferma della consistenza della cedola potrebbe essere alla base della buona intonazione del titolo Equita in borsa (+1,5% dopo circa un’ora dall’avvio degli scambi).

Ricordiamo che ieri il consiglio di amministrazione di Equita ha approvato i conti dei primi nove mesi dell’esercizio 2017 della quotata. La sim ha tagliato il traguardo del 30 settembre con un utile netto consolidato di 6,9 milioni di euro, in progressione del 27,1% rispetto a un anno fa. Buone indicazioni anche dal fronte patrimoniale con un Rote al 29,8% e un patrimonio netto tangibile pari a 54,3 milioni dopo l’Ipo chiusa recentemente (IPO Equita: prezzo in parte alta del range, quotazione al via domani 23 novembre).

In relazione ai conti trimestrali, l’amministratore delegato di Equita Andrea Vismara ha così commentato: “i risultati dei primi nove mesi del 2017 confermano una positiva progressione degli utili, supportati dall’efficacia delle strategie di diversificazione attuate nel passato e coerenti con la strategia futura. Questo trend positivo sta continuando nel quarto trimestre, con un utile netto per l’anno 2017 atteso in buon progresso rispetto al 2016”.

 

Argomenti: