Dividendo Enel Green Power 2013 a 2,59 cent, utile +4,6%

Risultati positivi per la controllata verde di Enel che conferma la sua politica dei dividendi

di Carlo Robino, pubblicato il

Il cda di Enel Green Power si è riunito ieri per approvare i risultati dell’esercizio 2012. Per quanto riguarda il dividendo 2013 il board ha intenzione di proporre all’assemblea degli azionisti del 24 aprile la distribuzione di una cedola pari a 2,59 centesimi di euro per azione. Il dividendo verrà staccato il 20 maggio con data di pagamento già fissata per il 23 maggio. Il monte dividendi 2013 si attesta a 129,5 milioni di euro a fronte di un Utile netto ordinario di Gruppo (ossia riconducibile alla sola gestione caratteristica) pari a 431 milioni di euro. Enel Green Power conferma anche quest’anno la sua politica dei dividendi: il payout ratio rimane dal 2010 non inferiore al 30% dell’utile netto consolidato.

 

Risultati Enel Green Power 2012 tutti in crescita

Ricavi Enel Green Power 2012 – I Ricavi totali del 2012 pari a 2.688 milioni di euro, evidenziano un incremento di 161 milioni  di euro rispetto al 2011 (+6,4%) come combinazione di un aumento di 317 milioni di euro dei ricavi per vendita di energia elettrica (pari a 2.300 milioni di euro nel 2012) e di una riduzione di 156 milioni di euro degli altri ricavi (pari a 388 milioni di euro nel 2012). L’incremento dei ricavi per vendita di energia elettrica, comprensivi degli incentivi, deriva principalmente dalla crescita della produzione in Iberia e America Latina (100 milioni di euro), in Nord America (83 milioni di euro) e in Italia e Europa (134 milioni di euro). Gli altri ricavi, pari a 388 milioni di euro (544 milioni di euro nel 2011), si riferiscono principalmente ai ricavi derivanti dall’attività retail di Enel.si per 215 milioni di euro (248 milioni di euro nel 2011), dall’avvio della vendita dei pannelli fotovoltaici prodotti da 3Sun per 33 milioni di euro (1 milione di euro nel 2011) e dalla risoluzione degli accordi previsti con i partner della società Tradewind che ha determinato la cancellazione dei debiti per success fee connessi ai progetti realizzati e la rimisurazione al fair value del valore di attività e passività della società stessa, per la quale si sono modificati i requisiti relativi al controllo, per complessivi 52 milioni di euro. Gli altri ricavi del 2011 comprendevano le citate operazioni significative in Nord America e Iberia per complessivi 181 milioni di euro. Al netto dei citati proventi rilevati nel 2011, i “Ricavi totali” evidenziano un incremento di 342 milioni di euro (+14,6%).

 

Ebitda Enel Green Power 2012 – L’Ebitda (margine operativo lordo) del 2012 pari a 1.678 milioni di euro, presenta un aumento di 95 milioni di euro (+6,0%) rispetto al 2011. L’area Italia ed Europa ha registrato un margine operativo lordo pari a 971 milioni di euro, in aumento di 102 milioni di euro rispetto al 2011 (pari a 869 milioni di euro), principalmente per l’incremento della capacità installata (415 MW), effetto parzialmente compensato dalla minore idraulicità registrata in Italia nel primo trimestre 2012. L’area Iberia e America Latina ha registrato un margine operativo lordo pari a 497 milioni di euro, in riduzione di 76 milioni di euro rispetto al 2011 (pari a 573 milioni di euro). Al netto degli effetti non ricorrenti contabilizzati nel 2011 (pari a 165 milioni di euro), il margine operativo lordo evidenzia un incremento di 89 milioni di euro (+21,8%), principalmente per effetto dell’incremento della capacità installata (286 MW).  

 

Ebit Enel Green Power 2012 – L’Ebit (risultato operativo) del 2012 è pari a 972 milioni di euro, in aumento di 59 milioni di euro (+6,5%) rispetto ai 913 milioni di euro dell’esercizio precedente. La variazione dell’utile operativo riflette l’aumento del margine operativo lordo, effetto solo parzialmente compensato dall’incremento degli ammortamenti e perdite di valore (pari a 36 milioni di euro). In particolare, i maggiori ammortamenti derivanti dall’incremento della capacità installata netta e dal completamento nel secondo semestre 2011 delle allocazioni di  prezzo sulle operazioni di acquisizione in Iberia sono stati parzialmente compensati dagli effetti della rivisitazione della stima della vita utile degli impianti eolici in 25 anni, in linea con la prassi del settore. 

 

Utile Enel Green Power 2012 – Il Risultato netto del Gruppo del 2012 è pari a 413 milioni di euro, con un incremento di 5 milioni di euro (+1,2%) rispetto ai 408 milioni di euro del 2011. Al netto degli effetti sull’utile dei citati proventi (pari a 96 milioni di euro) e adeguamenti di valore (pari a 83 milioni di euro) rilevati nel 2011, l’utile dell’esercizio del Gruppo evidenzia un incremento di 18 milioni di euro (+4,6%) rispetto al 2011 (pari a 395 milioni di euro). L’Utile netto ordinario del Gruppo del 2012, al netto dei proventi da rimisurazione al fair value e degli adeguamenti di valore, è pari a 431 milioni di euro, con un incremento di 19 milioni di euro (+4,6%) rispetto ai 412 milioni di euro del 2011.

 

 

Indebitamento Enel Green Power 2012 – L’Indebitamento finanziario netto al 31 dicembre 2012 è pari a 4.614 milioni di euro. L’incremento pari a 539 milioni di euro si riferisce principalmente ai nuovi finanziamenti bancari e verso altri finanziatori a lungo termine. Al 31 dicembre 2012, l’incidenza dell’indebitamento finanziario netto sul patrimonio netto complessivo, il cosiddetto rapporto debt to equity, si attesta a 0,58 a fronte di un rapporto pari a 0,53 di fine 2011, mentre il rapporto Indebitamento finanziario netto e Ebitda è pari a 2,7 (2,9 al 31 dicembre 2011).

 

Argomenti: Borsa Milano, Enel Green Power