Dividendo Banca Mediolanum 2017 a 0,4 euro (saldo + acconto), utile 2016 in calo

di , pubblicato il
L'ammontare del dividendo Banca Mediolanum 2017 batte le attese degli analisti e a Piazza Affari scattano gli acquisti

Buone notizie per i possessori di azioni Banca Mediolanum. Il consiglio di amministrazione della quotata guidata da Doris ha deciso di proporre all’assemblea degli azionisti la distribuzione di un saldo sul dividendo 2017, relativo all’esercizio 2016, pari a 0,24 euro. Questa cedola si va a sommare all’acconto 2016 pari a 0,16 euro portando il totale dei dividendi a 0,4 euro. La data di stacco del saldo dividendo Banca Mediolanum 2017 è stata fissata per il prossimo 24 aprile con pagamento a partire dal successivo 26 aprile. Agli attuali livelli di prezzo la cedola di Banca Mediolanum garantisce un rendimento totale superiore al 5,5%. Il dividendo Banca Mediolanum nel suo complesso ha battuto le attese degli analisti che erano ferme su una cedola pari a 0,31 euro per azione.

La consistenza della cedola riconosciuta da Banca Mediolanum sull’esercizio 2016 è di tutto rispetto se si considerano i risultati conseguiti nell’anno che si è appena chiuso. Banca Mediolanum, infatti, ha mandato in archivio il 2016 con un utile netto consolidato pari a 393,5 milioni di euro, in flessione del 10% rispetto al risultato dell’esercizio precedente.

Buone le indicazioni sul fronte della raccolta con la raccolta netta in Italia che è stata positiva per 5.638 milioni di euro; la raccolta netta in fondi che è stata pari 3.599 milioni di euro e gli impieghi alla clientela retail che hanno registrato un aumento del 9% su base annua a quota 6.855 milioni di euro.
Sul fornte patrimoniale, il Common Equity Tier 1 Ratio (CET1) pro-forma di Banca Mediolanum al31 dicembre 2016 è stato pari al 20,0%. Lo stesso istituto guidato da Doris ha parlato di un CET1 tra i più alti tra i Gruppi Bancari italiani ed europei.

In scia alla pubblicazione dei conti relativi all’esercizio 2016, Banca Mediolanum a Piazza Affari sta segnando una progressione dell’1,5%.

Argomenti: ,