Dividendo A2A 2013 raddoppiato, torna l’utile nel 2012

Forte crescita del Margine Operativo Lordo nel 2012: a spingere è soprattutto la Filiera Energia

di Enzo Lecci, pubblicato il

I vertici di A2A sono stati di parola e sicuramente hanno risposto in modo soddisfacente alle attese degli azionisti. Poco fa, infatti, il cda della multiutility ha comunicato che i dividendi di A2A saranno pari a 0,026 euro per azione, praticamente il doppio rispetto alla cedola staccata lo scorso anno quando, per effetto delle svalutazioni, l’esercizio 2011 si era chiuso con una perdita pari a 423 mln di euro (le svalutazioni sostenute da A2A ammontarono a 627 mln di euro).

 

Data di stacco dividendo A2A 2013: le indicazioni del cda

I dividendi 2013 di A2A saranno messi in pagamento  il 27 giugno 2013 (data stacco cedola 24 giugno 2013) e record date il 26 giugno 2013.

 

Risultati A2A 2012: forte crescita del MOL

L’incremento del dividendo è chiaramente da mettere in relazione con il ritorno di un forte utile: 260 mln contro appunto il rosso dello scorso anno. A stupire positivamente è però soprattutto la crescita del Margine Operativo Lordo che è stato pari a 1.068 milioni di euro, il 15,6% in più rispetto all’esercizio 2011. La crescita del Mol è ancora più significativa se si considerano  le perduranti e profonde difficoltà caratterizzanti i comparti del settore energetico in cui il Gruppo opera, nonché gli effetti derivanti da modifiche (o da avanzate proposte di modifica) del quadro normativo e regolatorio.

Se il Mol ha fatto registrare un simile balzo in avanti, il merito è da ascrivere alla crescita del  margine Operativo Lordo della Filiera Energia che è cresciuto di 205 milioni di euro (+61%), per effetto dell’acquisizione del controllo di Edipower. In aumento anche i ricavi di A2A che si sono attestati a  6.480 milioni di euro, in crescita del 5,7% rispetto al 2011.  Sulla stessa scia la “Posizione finanziaria netta”, che è pari a 4.372 milioni di euro (4.021 milioni di euro al 31 dicembre 2011) risulta in crescita di 351 milioni di euro per gli effetti derivanti dall’acquisizione del controllo di Edipower, pari a 1.083 milioni di euro, parzialmente compensati dalla positiva generazione di cassa netta del periodo pari a 732 milioni di euro, dopo investimenti 360 milioni di euro e pagamento di dividendi per 40 milioni di euro.

Argomenti: A2a, Borsa Milano