Crolla anche il titolo LinkedIn dopo le previsioni deludenti sul 2014

Anche il titolo LinkedIn crolla in borsa, dopo la pubblicazione delle previsioni per l'esercizio in corso.

di , pubblicato il

LinkedIn crolla nell'after hours su previsioni 2014Il titolo LinkedIn è crollato dell’11% nelle contrattazioni dell’after hours, dopo la pubblicazione dei dati sull’ultimo trimestre del 2013 e di quelli di previsione per quest’anno.

La società che gestisce il social network attivo nel mondo del lavoro, ha registrato una crescita del fatturato su base annua del 47% nell’ultimo trimestre del 2013, balzando dai precedenti 303,6 milioni di dollari a 447,2 milioni.

Gli utili netti, però, sono crollati da 11,5 milioni a 3,8 milioni. L’impennata dei ricavi è stata ottenuta grazie alle vendite delle agenzie di selezioni e la crescita delle iscrizioni degli utenti singoli.

L’utile per azione è cresciuto a 39 centesimi dai 35 centesimi dello stesso periodo dell’anno precedente e sopra il consensus di 38 centesimi.

Tuttavia, a deludere gli investitori sono state le previsioni di crescita per il trimestre in corso, con ricavi attesi per 455-460 milioni di dollari, inferiori ai 470 milioni stimati, sebbene del 30% superiori ai 325 milioni ottenuti nel primo trimestre del 2013. In calo anche i ricavi attesi nell’intero anno, rispetto alle stime degli analisti: 2,02-2,05 miliardi contro 2,16 miliardi.

La società ha anche annunciato l’acquisto per 120 milioni di dollari di Bright, un sito che connette datori di lavoro e lavoratori.

Nonostante in attesa dei dati della trimestrale, il titolo LinkedIn fosse cresciuto del 4,24% a 223,45 dollari, il crollo dell’after hours è giunto impietoso, quasi che il mercato tema lo scoppio della bolla delle azioni legate al comparto internet, sulla base di un rallentamento dei tassi di crescita dei ricavi e dell’utenza, rispetto agli esercizi precedenti. Il fenomeno ha coinvolto anche Twitter, letteralmente crollato a Wall Street, dopo un ultimo trimestre del 2013 deludente.

 

 

Argomenti: