Creval: intesa su polizze con Credit Agricole è solo primo passo

Secondo l'Ad Mauro Selvetti, l'accordo di bancassicurazione con Cfredit Agricole è propedeutico a più ampie collaborazioni

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Secondo l'Ad Mauro Selvetti, l'accordo di bancassicurazione con Cfredit Agricole è propedeutico a più ampie collaborazioni

L’accordo bancassicurativo con un grande gruppo internazionale come Credit Agricole è la premessa, mi auguro, per una collaborazione più ampia in futuro“. Lo dice al Sole 24 Ore l’a.d. del Credito Valtellinese, Mauro Selvetti, aggiungendo che “le aree di possibile collaborazione sono davvero tante anche in ambiti meno noti mediaticamente come i servizi di back office o l’information technology. Potenzialmente valuteremo ogni area in cui sono possibili economie di scala, per ora l’unica certezza è che lavoreremo nelle assicurazioni vita con Agricole, un gruppo che ha radici cooperative e federali come noi e che in Italia sta ottenendo ottime performance. Lavorare da subito, come stiamo facendo, sul progetto bancassurance con Credit Agricole sarà di stimolo ulteriore per un’ancor maggiore efficienza della rete del Creval“.

Siamo entrati nella terza fase del piano, quella della crescita e della ricerca di una stabile profittabilità – spiega l’a.d. – La fase straordinaria si è conclusa e ora sia il management che la rete commerciale possono e devono concentrarsi sullo sviluppo del business“. Selvetti spiega che “alla fine del primo trimestre il nostro Npe ratio era sceso all’11,5% proforma, collocandosi tra i migliori del sistema. Il prossimo 9 agosto il dato sarà aggiornato con i dati semestrali. Sui modelli interni” di rating “posso dire che si è concluso l’iter di confronto con Bankitalia e confidiamo di ricevere entro fine anno l’ufficialità della validazione. Quantificare il beneficio sul capitale non dipende da noi, possiamo solo ribadire la forchetta ampia tra 100 e 200 basis points basata su casi precedenti al nostro. Ma ovviamente sarà la Vigilanza a valutare e decidere“.

Argomenti: Credito Valtellinese

I commenti sono chiusi.