Credit Suisse: dieci modi per investire nei mercati di frontiera

Analisi di CS sui titoli più interessanti dei mercati emergenti

di , pubblicato il

Proponiamo ai nostri lettori questo report di Credit Suisse dedicato alle azioni più interessanti dei mercati emergenti.

 

I mercati emergenti nel 2013 hanno deluso (-9,6% indice Msci), ma non è stato così per quelli di frontiera che hanno messo a segno una performance del 14,3%. Fra questi ultimi spiccano i Paesi dell’Africa Sub-Sahariana, che hanno enormi potenzialità di sviluppo. Ecco, secondo il Credit Suisse, dieci titoli con una forte esposizione in quest’area.

1) Emirates Telecom Il gruppo telefonico, quotato ad Abu Dhabi, realizza in nove Paesi dell’Africa Sub-Sahariana il 16% del fatturato e ha in programma di espandersi nei prossimi anni. Il titolo, che capitalizza 21,4 miliardi di dollari, in 12 mesi ha reso (total return) il 37%. Ha un p/e (prezzo/utile) 2013 di 10 e un rendimento del dividendo elevato (6,5%). Il rating degli analisti della banca d’affari elvetica è buy (comprare).

 

2) Tullow Oil La compagnia petrolifera, che capitalizza 14,5 miliardi di dollari, deriva dall’Africa Sub-Sahariana l’84% dei ricavi. Il dividend yield è trascurabile (1,3%) e sul listino di Londra il ritorno a un anno del titolo, che ha un p/e di 19,3, è negativo (-29,6%). Il rating è hold (mantenere).

 

3) Aspen Pharmacare Il gruppo farmaceutico quotato a Johannesburg, dove capitalizza 9,4 miliardi di dollari, è esposto per il 10% del giro d’affari nei Paesi dell’Africa Sub-Sahariana. Il titolo, che in 12 mesi ha reso (total return) il 55%, ha un p/e (prezzo/utile) 2013 di 24,8 e un rendimento del dividendo dell’1%. Il rating è sell (vendere), a causa dei livelli di valutazione troppo elevati.

 

4) Millicom La compagnia di telefonia cellulare, con sede in Lussemburgo, nell’Africa Sub-Sahariana realizza il 20% del giro d’affari. In particolare è attiva in Senegal, Ghana, Chad, Rep, Dem. del Congo e Tanzania. In un anno il titolo, che capitalizza 7,8 miliardi di dollari, ha un ritorno totale negativo (-7%). Il p/e 2013 è 12,4, mentre il dividend yield è 3,4%. I livelli di valutazione attuali non offrono occasioni di ingresso interessanti. Il rating è quindi sell (vendere).

 

5) SabMiller E’ uno dei leder mondiali nel settore della birra con i marchi Lech, Castle Lage e Peroni.

Il titolo capitalizza 82,6 miliardi di dollari e in un anno ha reso il 34,4%. Il dividend yield è del 2% e il p/e 2013 intorno a 20. Con le radici in Sudafrica, la compagnia realizza oltre un terzo dei ricavi nel Continente. Il rating è buy (comprare), viste le potenzialità di ulteriore crescita.

 

6) Mtn group Il gruppo di tlc, che capitalizza 33,5 miliardi di dollari, in un anno ha reso il 32%. Realizza oltre il 30% del giro d’affari nell’Africa Sub-Sahariana, con attività in Nigeria, Ghana, Uganda e Cameroon. Il rendimento del dividendo è elevato (5,8%) e il p/e 2013 è 12,3. Il rating è hold (mantenere).

 

7) Naspers E’ una compagnia che si rivolge al settore, ancora in fase embrionale nel Continente, ma in forte sviluppo dei servizi internet e delle pay tv. Capitalizza 26,5 miliardi di dollari e deriva dall’Africa il 15% dei suoi ricavi. In un anno il titolo ha reso quasi il 60%. Il rendimento della cedola è inferiore all’1% e il p/e 2013 è 22. Il rating è buy (comprare).

 

8) Olam Il gruppo di Singapore, specializzato nella raccolta e distribuzione dei prodotti agricoli, nell’Africa Sub-Sahariana realizza il 19% del giro d’affari. In un anno il titolo, che capitalizza 3,3 miliardi di dollari, ha un ritorno totale negativo (-6%). Il dividend yield è 2,4% e il p/e 2013 è 10,6. Il rating è sell (vendere), a causa delle valutazioni elevate rispetto alla media del settore.

 

9) Shoprite holdings Il gruppo specializzato nella distribuzione alimentare, con base in Sudafrica, genera il 12% del fatturato nei Paesi nell’Africa Sub-Sahariana, tramite le reti di supermercati (Shoprite, Ok, Sentra, ecc.). Il titolo, che capitalizza 10,5 miliardi di dollari, ha un p/e di 24,5 e un rendimento della cedola del 2%. Il rating è hold (mantenere).

 

10) Standard Bank Group Il gruppo finanziario, che capitalizza 19,6 miliardi di dollari, beneficia della lenta ma progressiva espansione dei servizi bancari in 16 Paesi dell’Africa Sub-Sahariana, dove genera il 10% della sua raccolta. Il titolo ha un p/e 2013 di 10,2 e un rendimento del dividendo del 4,5%. Il rating è buy (comprare).

Argomenti: