Consob e truffe on line: nella manovra previsto arrivo di 20 sceriffi

di , pubblicato il
Con un emendamento presentato in commissione di bilancio la Consob potrà nominare 20

In commissione di bilancio è passato un emendamento presentato da Fratelli d’Italia e votato all’unanimità, in cui si attribuiscono nuovi poteri alla Consob circa la possibilità di intervenire in presenza di truffe on line.

Cosa prevede l’emendamento

Nel dettaglio, all’autorità italiana che vigila sulle società e sulla borsa è stato attribuito il potere di  intervenire e chiedere immediatamente l’oscuramento dei siti online in presenza di offerte abusive al pubblico e in assenza del prescritto prospetto informativo.

A presidio del rispetto delle regole vi saranno 20 nuovi sceriffi. Oltre a ciò i controllori vigileranno anche sulle attività pubblicitarie connesse ad offerte al pubblico abusive, ed anche ovvero nei confronti di chi proponga al pubblico transazioni a valere sui Contratti per differenza (CFD) con leva finanziaria superiore ai limiti autorizzati dalla stessa Consob.

Tale funzione va a integrare l’insieme dei poteri interdittivi della Consob contro le truffe on line, con cui la stessa ha già proceduto ad oscurare 98 siti abusivi che prestavano l’attività in assenza della prescritta autorizzazione. Con questo emendamento la Consob estende inoltre il suo potere d’intervento anche nei confronti degli operatori Ue che non recepiscono i provvedimenti ingiuntivi eventualmente adottati nei loro confronti.

In tal modo Consob può altresì mettere in piedi iniziative formative riguardanti l’intelligenza artificiale, al fine di elevare le skills dei dipendenti nell’ambito di un settore in rapido e costante sviluppo.

Argomenti: