Chiusura Borsa Milano: UnipolSAI va a picco, Ftse Mib limita i danni

di , pubblicato il

Borsa Milano chiusuraLe inchieste giudiziarie della Procura della Repubblica di Milano hanno fatto irruzione sull’Ftse Mib determinando il crollo di UnipolSAI. E’ stato questo il tema principale di una seduta che, in assenza del terremoto bolognese, non avrebbe offerto grandi spunti ma si sarebbe allineata, al contrario, al trend già emerso nei giorni scorsi. Come abbiamo avuto modo di sottolineare in più di una occasione, infatti, esaurita la stagione delle trimestrali e in assenza di dati macro di un certo peso, gli investitori in questa settimana hanno dato l’impressione di voler attendere l’esito delle elezioni europee della prossima domenica prima di decidere i prossimi movimenti. Il voto per il rinnovo del Parlamento Europeo, del resto, potrebbe trasformarsi in un referendum sull’Euro come ha avuto modo di sottolineare Roubini (Roubini avverte: se vince Grillo, sale lo spread e l’euro trema).

In questo contesto, Piazza Affari, ha prima avviato gli scambi con un leggero verde per poi annullare il segno “più” e finire in rosso a causa della pesantezza di alcune quotate (Apertura Borsa Milano: vola Mediaset, giù STM). Nel pomeriggio l’avvio stentato della Borsa di Wall Street non ha poi fornito a Piazza Affari spunti per una risalita (Apertura Wall Street all’insegna dell’incertezza). Ad ogni modo l’Ftse Mib, dopo essersi portato su un passivo di quasi un punto e mezzo, ha poi limato le perdite presentandosi al traguardo delle 17,30 con una flessione dell’1,09%.

 

Chiusura Borsa Milano: i colori dell’Ftse Mib

Il rosso che ha colorato l’Ftse Mib è stato il frutto del tracollo di UnipolSAI e della pesantezza dei bancari. La quotata bolognese, in particolare, ha perso il 3,8% dopo essere stata addirittura sospesa per eccesso di ribasso (UnipolSAI sospesa, valanga di vendite sul titolo). La raffica di vendite che si è abbattuta sul gruppo assicurativo è stata provocata dall’inchiesta della procura milanese sul procedimento che portò alla fusione tra Unipol e Fondiaria Sai (UnipolSAI va giù, perquisizioni della Finanza a Bologna). Segni rossi anche per Banco Popolare che ha ceduto il 2,20%, Banca Popolare dell’Emilia Romagna (-3,18% dopo una sospensione per eccesso di ribasso: BPER sospesa, titolo va a picco a Piazza Affari) e BPM che ha perso l’1,52%. Hanno chiuso in negativo anche le big Intesa Sanpaolo e Unicredit (rispettivamente -1,39% e -1,42%) mentre Monte dei Paschi ha lasciato sul parterre il 2,6%  (Aumento capitale MPS: il mercato non è ancora convinto, titolo giù).

 

Tra gli industriali segnaliamo la progressione di Mediaset (+2,63%: Comprate Mediaset! Gli analisti vedono prospettive interessanti sulla pay tv) e la flessione di Saipem e di STM con la prima che ha perso il 2,91% e la seconda che ha lasciato sul terreno l’1,72% (STMicroelectronics: hsbc abbassa il Rating a Underweight, target price inalterato).

Argomenti: