Chiusura Borsa Milano: MPS si prende la scena, Ftse Mib immobile

Poco movimento a Piazza Affari nell'ultima seduta della settimana. Debito pubblico boom in Italia

di Enzo Lecci, pubblicato il

Borsa milano neraPiazza Affari ha mandato in archivio una settimana, ancora condizionata dalle decisioni di politica monetaria della BCE, mettendo a segno una chiusura piatta con l’Ftse Mib che ha rimediato un +0,01%.

Come è avvenuto spesso durante questa settimana, gli spunti per la nostra borsa sono stati davvero pochi anche se alcune specifiche quotate hanno chiaramente catturato l’attenzione dei mercati. In un contesto generale in cui l’uscita dell’Italia dalla crisi appare ancora decisamente lontana (oggi i nuovi dati di Bankitalia hanno confermato che nonostante gli sforzi del governo il debito pubblico continua a salire: Il debito pubblico italiano cresce ancora, vediamo perché), l’Ftse Mib ha aperto le contrattazioni in leggero calo (Apertura Borsa Milano: Ftse Mib in leggero calo, rating Italia sotto esame). Durante la giornata, però, il paniere di riferimento della nostra borsa ha annullato le perdite e si è portato su un frazionale verde. Nel pomeriggio, poi, l’avvio senza grossi entusiasmi della Borsa di Wall Street ha definitivamente allontanato gli investitori dal rischio (Apertura Wall Street: indici in positivo nonostante le tensioni in Iraq).

 

Chiusura Borsa Milano: i colori dell’Ftse Mib

In un contesto caratterizzato dall’assenza di spunti macroeconomici di peso, l’Ftse Mib è stato trascinato sul verde dalla buona performance di alcuni titoli specifici come Monte dei Paschi. La banca toscana, impegnata nel noto aumento di capitale, ha chiuso la seduta con un buon +3,63 (per un bilancio e uno sguardo d’insieme sull’aumento di capitale di MPS si legga: Aumento capitale MPS, vantaggi e svantaggi. Un primo bilancio). Bene anche Unicredit che ha messo in cassaforte mezzo punto percentuale mentre sono finite in rosso tutte le altre quotate del settore con Banco Popolare in flessione dell’1,12%, Banca Popolare di Milano a -1,23, Intesa Sanpaolo in calo dello 0,39% e Banca Popolare dell’Emilia Romagna che ha rimediato un rosso dell’1,58%.

Fuori dal settore bancario segnaliamo il -1,15% di Fiat e il balzo in avanti di Finmeccanica. Il colosso della difesa, infatti, approfittando dei rumors sulla possibile cessione di Drs Technologies, ha guadagnato il 2,58% (Finmeccanica, rally sull’Ftse Mib. Ecco cosa sta spingendo il titolo

Argomenti: Borsa Milano