Chiusura Borsa Milano: MPS non basta all’Ftse Mib, Banco Popolare a picco

Dopo una buona mattinata, l'Ftse Mib è passato in negativo e ha chiuso con un calo dell'1,18%

di Enzo Lecci, pubblicato il

Borsa milano neraMai come oggi si può dire che ad aver fatto il bello e il cattivo tempo a Piazza Affari sia stato l’andamento della Borsa di Wall Street. Alla buona intonazione che Piazza Affari è riuscita a tenere durante tutta la mattinata, infatti, ha poi fatto seguito un pomeriggio decisamente più difficile col verde dell’Ftse Mib che, dopo la pubblicazione di alcuni importanti dati macroeconomici Usa, si è trasformato in rosso (Apertura Wall Street: indici incerti in attesa di Facebook e Apple).

Borsa Usa a parte, oggi gli stimoli per Piazza Affari sono stati davvero pochi. La pubblicazione della stima relativa al PMI di Germania e Eurozona non ha fornito alcuno spunto agli investitori (PMI manifattura e servizi: la Germania stacca tutti, la Francia arranca).

 

Chiusura Borsa Milano: i colori dell’Ftse Mib

L’Ftse Mib si è presentato al traguardo delle 17,30 con un vistoso segno rosso: -1,18%. Ad appesantire il listino di riferimento della Borsa Italiana sono stati i titoli del comparto bancario. Ad eccezione di MPS, infatti, la maggior parte delle quotate di quel settore che più caratterizza il paniere di riferimento della borsa di Milano si sono colorate di rosso. Nello specifico hanno chiuso con il segno negativo:  Banco Popolare (-4,82%), Banca Popolare di Milano (-2,47%), Intesa Sanpaolo (-1,29%), Ubi Banca (-2,43%) e Unicredit (-2,25%). In questo assedio di segni rossi, ad andare in decisa controtendenza è stata, come abbiamo anticipato prima, la sola Monte dei Paschi. Il titolo della banca senese, infatti, si è presentato al traguardo con una progressione di oltre 3 punti percentuali innestata dalla promozione di Goldman Sachs (Aumento capitale MPS, ecco le prossime tappe e MPS e Banco Popolare: testacoda a Piazza Affari).

Tra le altre quotate da segnalare oggi, menzioniamo anche Pirelli che ha perso il 2,4% a seguito della bocciatura di HSBC. Segno meno anche per Mediaset. Il Biscione non è stato capace di approfittare del report favorevole degli analisti di Deutsche Bank (Riscoprire Mediaset! Gli analisti rialzano le stime sull’utile per azione).

 

 

 

Argomenti: Borsa Milano