'Chiusura Borsa Milano: MPS e BPM mandano in rosso l'Ftse Mib - InvestireOggi.it

Chiusura Borsa Milano: MPS e BPM mandano in rosso l’Ftse Mib

di , pubblicato il

Borsa Milano chiusuraGiornata senza particolari spunti quella che i mercati hanno vissuto oggi. Il dato di chiusura della Borsa di Milano (con l’indice Ftse Mib in calo dello 0,89%) è stato il risultato di una seduta vissuta stabilmente in negativo, nonostante il rosso finale sia stato il prodotto di una accelerazione delle vendite maturata nella seconda parte della giornata. 

Venendo alla cronaca, la Borsa di Milano ha aperto gli scambi in sostanziale parità. Per nulla impressionati dall’ennesimo tracollo della borsa di Tokyo (Chiusura da incubo per la Borsa di Tokyo: Nikkei a -3,32%), gli investitori italiani sono sembrati fin da subito molto prudenti e attenti a non esporsi in vista degli appuntamenti clou di questa settimana con la Bce e la Fed che renderanno note le loro decisioni di politica monetaria.

In assenza di spunti concreti, l’andamento delle contrattazioni è rimasto molto tiepido per tutta la prima parte della giornata. Addirittura poco dopo la diffusione dell’esito dell’asta di Bot semestrali (per conoscere i risultati del collocamento si legga: Bot semestrali sotto l’1%, aumenta la spesa dello Stato per il Welfare), il rosso dell’Ftse Mib è diventato sempre meno intenso.

Nella seconda parte della giornata, però, Piazza Affari ha iniziato ad allargare stabilmente le sue perdite. Il rosso è stato il risultato dell’andamento negativo di alcuni titoli del comparto bancario con Monte dei Paschi e Banca Popolare di Milano finiti, per motivi diversi, sulla graticola. Nello specifico il titolo della banca senese ha pagato le indiscrezioni su possibili nuove richieste da parte della UE all’intensità di quello che abbiamo definito come “piano di ristrutturazione della banca” (MPS sospesa, il titolo va a picco dopo l’annuncio UE) mentre Banca Popolare di Milano ha scontato il report di Fitch sulle prospettive del gruppo lombardo (BPM: Fitch non esclude un peggioramento del rating a lungo termine).

 

 

Chiusura Borsa Milano: i numeri della giornata

Impressionati i rossi che si sono accumulati sul comparto bancario con Popolare di Milano che ha ceduto il 5,87%, Popolare dell?Emilia Romagna in calo del 5,28%, Ubi Banca a -3,94% e Banco Popolare in flessione del 3,78%. Più contenuta la flessione di Unicredit che ha perso il 2,24%.

Rossi anche al di fuori del comparto bancario con Telecom Italia che lasciato sul parterre il 2,85%. Completamente diversa l’aria che si è respirata in casa Fiat con il Lingotto che ha messo a segno un balzo del 3,11%. Domani Fiat renderà noto i risultati semestrali (Calendario trimestrali: mercoledì tocca a Eni, venerdì a Intesa Sanpaolo).

 

Argomenti: