Chiusura Borsa Milano: Mediaset e BPM non bastano all’Ftse Mib

Tante prese di beneficio a Piazza Affari dopo il rally di ieri. Bene Fiat che ha approfittato del report di Barclays

di Enzo Lecci, pubblicato il

Borsa milano neraIl vento che soffia su Piazza Affari sembrerebbe essere decisamente positivo. A prescindere dal balzo in avanti messo a segno ieri in scia all’affermazione di Renzi alle elezioni europee, l’impressione che si ha andando a leggere le varie analisi degli addetti ai lavori è che l’Ftse Mib nelle prossime settimane possa riservare piacevoli sorprese. Del resto, appena ieri pomeriggio, Vincenzo Longo di IG aveva lasciato intendere che il paniere di riferimento della borsa italiana potrebbe presto raggiungere i massimi da 4 anni. Una prospettiva, questa, che è comune anche agli analisti di Citi che oggi hanno invece pubblicato un report su quelle azioni che possono sovraperformare alla luce dell’affermazione di Renzi (Citigroup è ottimista sull’Italia: ora Renzi è più forte, riforme possibili e Investire in azioni dopo la vittoria di Renzi. Ecco i titoli da comprare).

Fatta questa premessa andiamo a guardare alla cronaca di una seduta che ha visto Piazza Affari aprire le contrattazioni in ribasso per poi portarsi velocemente su un timido verde (Apertura Borsa Milano: bene BPM e Fiat, Ftse Mib in calo). Per tutta la mattinata il paniere di riferimento della borsa si è mosso senza grandi scossoni passando indenne l’asta di CTZ (Aste bond: tassi stabili per i CTZ, in calo per i BTP). Nel pomeriggio, invece, il ritmo dell’Ftse Mib è cambiato e, nonostante l’avvio positivo della borsa di Wall Street, Piazza Affari si è portata stabilmente sul rosso (Apertura Wall Street: indici in verde, prezzi Case-Shiller oltre le attese).

 

Chiusura Borsa Milano: i colori dell’Ftse Mib

L’indice di rifermento di Piazza Affari si è presentato al traguardo delle 17,30 con una flessione dello 0,42%. Si è trattato unicamente di un movimento tecnico dopo il rally di ieri da inserire in un contesto che resta comunque positivo. Tra i titoli più attivi segnaliamo banca Popolare di Milano che ha guadagnato il 2,48% dopo la conclusione dell’aumento di capitale (Aumento capitale BPM: Mincione non ci sta ma il mercato plaude).

Meno intesi i verdi sugli altri bancari con Banco Popolare che ha guadagnato lo 0,75%, Banca Popolare dell’Emilia Romagna in progressione dello 0,93% e Mediobanca a +0,20%. In controtendenza Intesa Sanpaolo che ha chiuso con un calo dello 0,99%. Tra gli industriali segnaliamo il buon +1,11% di Fiat. Il segno verde che ha colorato il Lingotto è stato ispirato da un report di Barclays (Fiat: Barclays Capital avvia copertura con Rating a Overweight e target price a 9.00). Chiusura di seduta in verde anche Mediaset che ha registrato un buon +2,49%.

Argomenti: Borsa Milano