Chiusura Borsa Milano: Eni paga stacco acconto dividendo, Telecom tonica

di , pubblicato il
Il Ftse Mib ha chiuso la seduta con una progressione dello 0,6% nel giorno dell'avvio dell'IPO di Pirelli. Bene Ferrari e STM

La prima seduta della settimana si è chiusa per la Borsa di Milano con il Ftse Mib in progressione dello 0,61%. Il paniere di riferimento di Piazza Affari è rimasto in verde per tutta la durata della seduta trovando poi, nel corso del pomeriggio un valido supporto dall’apertura della borsa di Wall Street (Apertura Wall Street: S&P 500 e Dow Jones ai nuovi massimi storici).

A brillare oggi a Milano è stata Telecom Italia. L’ex monopolista, subito ben comprata già al momento dell’avvio delle negoziazioni, ha chiuso con una progressione del 4,62%. In pratica, come si denota dal grafico, la quotazione Telecom Italia ha progressivamente allargato il segno positivo nel corso della giornata. A spingere gli acquisti sono state le indiscrezioni in merito al possibile intervento dello Stato nella partita con Vivendi (Telecom Italia: lo Stato farà la voce grossa? Al mercato lo scenario piace).

Alle spalle di Telecom Italia, ma molto più staccata, si è collocata Ferrari che ha guadagnato il 2,35% nonostante la batosta al Gran Premio di Singapore di ieri. Segno positivo anche per Stm che ha chiuso avanti del 2,14% nel giorno dello stacco del dividendo trimestrale (Dividendo STM: oggi acconto trimestrale, ecco le prossime date di stacco).

Sempre restando in tema di dividendi, ma passando agli effetti negativi derivanti dallo stacco della cedola, segnaliamo la pessima performance di Eni. Il titolo del Cane a Sei Zampe, oggi alle prese con lo stacco dell’acconto sul dividendo 2017, ha rimediato un calo del 2,33% (Acconto dividendo Eni 2017: oggi stacco cedola).

Ultima segnalazione della giornata è per Pirelli. Oggi, infatti, è partita l’Ipo di Pirelli alla quale abbiamo dedicato un approfondimento che prende in esame anche la convenienza dell’operazione dal punto di vista dell’azionista (IPO Pirelli al via oggi. Conviene comprare azioni?)

 

Argomenti: