Chiusura Borsa Milano: crolla Telecom Italia, Ftse Mib in rosso

Le trimestrali spingono sul rosso anche Campari e Autogrill. L'Ftse Mib chiude a -1,10%

di Enzo Lecci, pubblicato il

Borsa milano neraSeduta colorata di rosso per la Borsa di Milano che, nonostante le buone indicazioni in arrivo da Wall Street, non è riuscita ad agguantare il verde presentandosi in negativo alla chiusura delle contrattazioni. Molto complesso il quadro macro di oggi con la pubblicazione della produzione industriale e delle vendite al dettaglio in Cina (entrambi gli indici sono stati inferiori alle attese) e con la diffusione dell’indice Zew tedesco relativo al mese di maggio (il dato è stato decisamente più debole rispetto a quello del mese precedente). In questo contesto il Tesoro ha proceduto con il collocamento di 6,25 miliardi di Btp. Particolarmente significato è stato il rialzo del rendimento del titolo triennale che si è attestato all’1,07% contro il minimo storico del 0,93% toccato in precedenza (Aste bond: salgono ancora i prezzi dei BTP. Il nuovo triennale rende l’1%).

 

Chiusura Borsa Milano: i colori dell’Ftse Mib

L’Ftse Mib si è presentato alla chiusura con una flessione dell’1,1%. Ad appesantire il listino di riferimento di Piazza Affari sono state alcune specifiche quotate che sono andate letteralmente a picco in scia alla pubblicazione dei conti trimestrali. Particolarmente significativo in questo senso è stato il calo di Telecom Italia. Il colosso delle tlc, infatti, ha perso il 5,18% a causa del tracollo che l’utile netto ha registrato nel primo trimestre (Telecom Italia, crolla l’utile nel primo trimestre e cresce il debito). Decisamente negativa alla pubblicazione della rispettiva trimestrale è stata anche la reazione di Campari e di Autogrill. La prima ha perso il 3,78% in scia al calo delle vendite (-8,4%) mentre Autogrill ha lasciato sul parterre il 2,03% nonostante la riduzione della perdita nei primi tre mesi dell’anno (Trimestrale Campari: utile a picco e il titolo crolla a Piazza Affari e Trimestrale Autogrill: calano ricavi e Ebitda nel primo trimestre).

Molti segni negativi anche tra i bancari con Banco Popolare che ha ceduto l’1,66%, BPER in calo del 2,53%, Intesa Sanpaolo a -1,25% e Unicredit in flessione dell’1,10%. Leggermente meglio è andata a Monte dei Paschi che ha perso lo 0,70% dopo la pubblicazione dei conti trimestrali (MPS, perdita primo trimestre oltre le attese. Pesano i Monti-bond). Per finire, Banca Popolare di Milano ha chiuso con un calo di un punto e mezzo nel giorno in cui Consob ha reso noto che BlackRock è salito sopra al 5% della banca lombarda (Aumento capitale BPM, blitz di BlackRock che sale al 5,15%). 

Argomenti: Borsa Milano