Chiusura Borsa Milano brillante: boom per Mps e Mediaset

di , pubblicato il

borsa milanoChiusura davvero positiva per la Borsa di Milano che, in una giornata senza appuntamenti macroeconomici di rilievo (La Francia entra in recessione nel 1 trim. 2013), rialza la testa dopo diverse sedute archiviate in rosso. I mercati hanno reagito positivamente all’asta dei Bot da 8 miliardi che pur registrando rendimenti in rialzo ha mostrato una domanda solida (Asta BoT, rendimenti raddoppiati. Nubi sul debito pubblico italiano). Le indiscrezioni stampa circa un buco da 8 miliardi per perdite su contratti derivati stipulati negli anni 90? dal Tesoro italiano (Financial Times: l’Italia rischia un buco da 8 miliardi sui derivati) sono state smentite dal Tesoro e così lo spread si è riportato sotto i 300 punti ridando fiato ai titoli finanziari. Wall Street, a differenza di Tokyo,  non sembra seguire i timori per il possibile credit crunch cinese (Credit crunch cinese, il Dragone ha il fiato corto. Tutte le paure dei mercati) e scommette su un prolungamento del quantitative easing alla luce della revisione al ribasso nel primo trimestre 2013 (Il Pil USA cresce meno del previsto. Bernanke cambierà idea sulla riduzione del QE 3?). Su questo quadro il Ftse Mib ha guadagnato il 2,03% a 15.362 punti.

I titoli sugli scudi a Piazza Affari

Titoli bancari protagonisti del recupero del Ftse Mib con Banca Popolare di Milano che ha guadagnato il 2,63% a 0,324 euro beneficiando dell’ok concesso da Bankitalia per il rimborso integrale dei Tremonti Bond (BPM: ok da Bankitalia rimborso integrale Tremonti Bond). Senza freni MPS che ha svettato sul paniere principale di Piazza Affari con un rialzo dell’8,86% a 0,203 euro. Intesa SanPaolo ha guadagnato il 3,51% a 1,269 euro, Unicredit l’1,47% a 3,734 euro, Banco Popolare l’1,39% a 0,914 euro e Mediobanca l’1,01% a 4,206 euro. Acquisti su Mediaset che ha concluso con un +7,47% a 2,618 dopo il tracollo di lunedì dopo la condanna comminata a Silvio Berlusconi e su Snam (+2,73% a 3,464 euro) dopo l’assegnazione al gasdotto TAP del trasporto in Europa del gas azero (Snam in rialzo: Tap porterà il gas azero in Europa). In caduta libera Saipem  (-1,71% a 12,62 euro) che oggi ha incassato la bocciatura di Exane (Saipem: Exane abbassa il Target Price, rating inalterato). Fuori dal listino principale Seat Pagine Gialle ha guadagnato l’11,76% sulla crescente attesa dell’importante cda in programma per domani (Seat PG: no comment su indiscrezioni stampa).

 

Argomenti: