Chiusura Borsa di Milano col botto: Fiat a picco, sorpresa Saipem

di , pubblicato il

000002481097-mercato-azionario-finanza-affari-acquistiIn chiusura di contrattazioni la Borsa di Milano archivia una seduta decisamente positiva che la fa svettare in cima fra i listini europei. A livello globale cresce l’attesa per le riunioni delle banche centrali (FED e BCE, le possibili prossime mosse delle banche centrali) mentre a Piazza Affari è stato tutto sommato modesto l’impatto della positiva asta dei Btp (Tassi in calo per i nuovi Btp, ma preoccupano le sofferenze delle banche). Ad incoraggiare gli acquisti le diverse trimestrali pubblicate nella giornata di oggi. Saipem, più volte sospesa per eccesso di rialzo, ha svettato sul paniere principale con un balzo del 5,86% a 16,27 euro nonostante un secondo trimestre chiuso con una perdita di 685 milioni di euro (Trimestrale Saipem: perdita da 685 milioni di euro). Al contrario a Fiat non è bastata una semestrale sopra le attese per contenere la delusione degli investitori figlia del taglio delle stime su Chrysler (Fiat in picchiata: nuova sospensione del titolo e Fiat in picchiata: nuova sospensione del titolo). Il titolo Mediaset è salito del 3,3% grazie ai movimenti speculativi sulla scia dell’attesa per la pronuncia della Cassazione sul processo sui diritti tv che vede coinvolto Silvio Berlusconi (Mediaset “nel giorno del giudizio” su Berlusconi: come si muovono gli investitori). Andamento positivo dei titoli bancari con Intesa Sanpaolo (+2,8%) e Ubi Banca (+2,7%) che hanno guidato i rialzi, mentre ad Mps (-0,76%) non sono bastate le rassicurazioni del Tesoro sul processo di ristrutturazione dell’istituto senese (MPS: le parole di Saccomanni ridanno fiato al titolo).Su questo quadro l’indice Ftse Mib ha chiuso con un balzo dell’1,64% a 16.542 punti. 

Argomenti: