Carige: svolta entro luglio per il salvataggio?

Il Fitd ha attivato la procedura di due diligence e valuta la partecipazione di soggetti sia privati (banche del Fitd, dello schema ed azionisti) che pubblici (Mediocredito Centrale-Banca del Mezzogiorno e Credito Sportivo); indiscrezioni parlano di un'altra offerta di Apollo. Il tutto dovrebbe essere esaminato entro metà luglio.

di , pubblicato il
Il Fitd ha attivato la procedura di due diligence e valuta la partecipazione di soggetti sia privati (banche del Fitd, dello schema ed azionisti) che pubblici (Mediocredito Centrale-Banca del Mezzogiorno e Credito Sportivo); indiscrezioni parlano di un'altra offerta di Apollo. Il tutto dovrebbe essere esaminato entro metà luglio.

La vicenda Carige costantemente sotto i riflettori, con il Fitd che ha attivato la procedura di due diligence e sta cercando di mettere in piedi un piano che veda la partecipazione di soggetti sia privati, quindi le banche del Fidt e dello Schema volontario nonché degli attuali azionisti dell’istituto, che pubblici, che Il Sole 24 Ore rintraccia nel Mediocredito Centrale-Banca del Mezzogiorno e Credito Sportivo come papabili soggetti da coinvolgere nel salvataggio.

Alcune indiscrezioni parlano inoltre di un necessario aumento di capitale da circa 800 milioni (rispetto a quello inizialmente previsto di 630 milioni), che permetterebbe all’istituto di liberarsi dei crediti deteriorati e al Fitd di ridurre la propria partecipazione.

Da ricordare inoltre che, stando ad altre indiscrezioni, il fondo Apollo sarebbe disposto a presentare una nuova offerta offrendo più dei 130 milioni inizialmente proposti.

Tutto il “calderone” di idee e proposte per il salvataggio dovrebbe essere esaminato entro la metà di luglio, senza scordare che la parola finale spetta alla BCE.

Argomenti: