Buzzi Unicem: nei 9 mesi del 2019 fatturato sale in tutte le aree geografiche

Il fatturato netto dei primi nove mesi del 2019 +è cresciuto del 13,4% a 2,424 mld. PNF negativa per 710 mln, tuttavia in riduzione rispetto a fine dicembre '18.

di , pubblicato il
Il fatturato netto dei primi nove mesi del 2019 +è cresciuto del 13,4% a 2,424 mld. PNF negativa per 710 mln, tuttavia in riduzione rispetto a fine dicembre '18.

Buzzi Unicem ha comunicato i dati relativi ai ricavi e all’indebitamento finanziario netto al 30 settembre 2019.

Il fatturato netto dei primi nove mesi del 2019 si è attestato a 2,424 miliardi, registrando un aumento del 13,4% rispetto ai 2,137 miliardi dello stesso periodo di un anno prima, al lordo di un effetto cambio favorevole di 61,8 milioni.

A parità di perimetro e di cambi il fatturato sarebbe aumentato del 9,9%. L’effetto volume e l’effetto prezzo, entrambi favorevoli, sono stati rispettivamente pari a 96,9 milioni e 98,1 milioni.

Il risultato, denota la società, è migliorato in tutte le aree in cui la società è presente, grazie alla crescita registrata in Stati Uniti d’America (facilitata dal confronto con un terzo trimestre 2018 molto piovoso), all’evidente miglioramento delle spedizioni in Europa Orientale (Ucraina e Russia in particolare) ed al positivo sviluppo delle vendite in Germania e Italia (influenzato anche dai cambi di perimetro).

A fine settembre 2019 l’indebitamento finanziario netto, inclusi l’aumento di 93,7 milioni dovuto all’adozione del nuovo principio IFRS 16, ammonta a 710,1 milioni; il dato risulta in riduzione di 180,4 milioni rispetto a fine dicembre 2018. Sull’aggregato hanno inciso investimenti complessivi per 260,8 milioni (218,8 milioni il corrispondente valore nel 2018), di cui 77,3 milioni riferiti alle partecipazioni industriali, tra cui, in particolare, l’esecuzione del contratto con HeidelbergCement riguardante il rafforzamento della posizione di mercato italiana, nel Centro e nel Nord Ovest del Paese.

Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.