Brembo: in arrivo innovativo processo produttivo con alluminio riciclato

di , pubblicato il
il gruppo bergamasco leader nella produzione di sistemi frenanti avrebbe concluso con Cannon Ergos il progetto Cral avviato nel 2016. ll nuovo processo produttivo dovrebbe consentire a Brembo sia di ridurre i costi per l’energia sia le emissioni di CO2 provenienti dalla lavorazione dell’alluminio primario.

Brembo ha sviluppato un nuovo processo produttivo per la realizzazione di sistemi frenanti partendo dall’alluminio riciclato.

Stando a quanto riporta il Sole 24 Ore,  il gruppo bergamasco leader nella produzione di sistemi frenanti avrebbe concluso con Cannon Ergos il progetto Cral avviato nel 2016, la cui missione è quella di produrre componenti ad alte prestazioni per il settore automotive che minimizzino l’impatto ambientale.

Tale innovazione permetterebbe a Brembo sia di ridurre i costi per l’energia sia le emissioni di CO2 provenienti dalla lavorazione dell’alluminio primario. Il budget messo disponibile è stato di 3,2 milioni, 1,85 derivanti dalla Commissione europea, mentre la parte restante garantita dai due partner del progetto.

Grazie a questo progetto è possibile ottenere:

  • pinze dei freni a raffreddamento più rapido, più leggere delle precedenti, che offrono caratteristiche meccaniche superiori con un impatto di peso inferiore sull’automobile o sulla ruota della motocicletta, e il minore impatto delle proprietà ambientali sono i miglioramenti desiderati con questo progetto per il prodotto finale.
  • forma e geometria della pinza non ottenibili con la tradizionale tecnologia di stampaggio.
  • tempi di ciclo più rapidi, investimenti ridotti in attrezzature per la colata ed una pinza pronta per essere utilizzata con operazioni di post-elaborazione limitate,

Occorre ora ottenere l’omologazione di questo processo e dei prodotti correlati nei diversi mercati dove opera il gruppo, con l’obiettivo di introdurre questa innovazione entro tre anni.

Argomenti: