BPM soffre a Piazza Affari. Quale sarà il destino dell’aumento di capitale?

L'aumento di capitale di Banca Popolare di Milano non dovrebbe essere messo in discussione

di Enzo Lecci, pubblicato il

BPMBanca Popolare di Milano non sembra avere la forza di adeguarsi al trend rialzista di Piazza Affari. Dopo essere stata sospesa per eccesso di ribasso, infatti, BPM sta ora cedendo l’1,3% contro un Ftse Mib decisamente colorato di verde. Il titolo lombardo, quindi, continua ad essere debole. Le vendite sono iniziate nei giorni scorsi in scia alla decisione dell’assemblea di bocciare la proposta di riforma della governance.

 

Aumento capitale Banca Popolare di Milano non a rischio

Secondo alcuni osservatori lo stop alla riforma non dovrebbe pregiudicare l’imminente avvio dell’aumento di capitale previsto per gli inizi di maggio. Oggi intanto i vertici di BPM si incontreranno con gli ispettori della Banca d’Italia. All’ordine del giorno del summit ci saranno proprio gli scenari possibili a seguito della decisione di sabato scorso. Su questo punto sono intervenuti anche alcuni analisti. a partire da Goldman Sachs che ha ridotto il target price a 0,71 euro dal precedente 0,86 euro, confermando il giudizio neutral. Molto più dura è stata Citigroup che ha tagliato la raccomandazione a sell da neutral (Banca Popolare di Milano: Citi abbassa il Rating a Sell, target price inalterato).

 

Argomenti: Banca Popolare di Milano, Borsa Milano