BPM: il secondo azionista riduce la partecipazione

Raffaele Mincione passa dall'8,267% al 6,999% del gruppo bancario in predicato di trasfomarsi in una spa ibrida

di , pubblicato il

Dalle partecipazioni rilevanti Consob si apprende che Raffaele Mincione, secondo azionista di BPM, ha ridotto la propria partecipazione nella banca milanese passando dall’8,267% al 6,999%. La segnalazione porta la data del 23 aprile 2013 ovvero il giorno successivo alle dimissioni dal consiglio di sorveglianza di Filippo Annunziata per i contrasti sorti con Andrea Bonomi per la trasformazione in spa. BPM intanto resta sempre la più venduta del listino principale di Piazza Affari con un calo pari al 3,41% a 0,5095 euro per azione.

Argomenti: ,