Borse europee e piazza affari aprono in lieve rialzo, focus su dati macro

Le borse europee e piazza affari hanno iniziato le contrattazioni in moderato rialzo, focus su dati macro e distensione dei rapporti USA-Cina.

di , pubblicato il
Le borse europee e piazza affari hanno iniziato le contrattazioni in moderato rialzo, focus su dati macro e distensione dei rapporti USA-Cina.

Le borse europee e piazza affari hanno iniziato le contrattazioni in lieve rialzo, focus su dati macro e distensione dei rapporti USA-Cina.

In Italia i fari rimangono puntati sull’incarico conferito a conte di presentare il nuovo governo “giallo-rosso”, oggi continuano gli incontri previsti con i vari partiti.

La Cina ha dichiarato non voler procedere con ritorsioni in risposta all’aumento dei dazi. Dal primo settembre saranno infatti applicate  vigore le nuove tariffe del 15% (e non del 10%) su poco meno della metà di 300 miliardi di dollari di beni cinesi mentre la parte residua dal 15 dicembre; da ottoblre. Un mese i dazi aumenteranno al 30% dal 25% (quelli decisi lo scorso anno su 250 miliardi di beni cinesi).

Indicazioni macro

In Giappone la produzione industriale di luglio si è attestata al 2,2%, in leggera diminuzione sia rispetto alle stime che alla precedente rilevazione, entrambi al 2,3%. La lettura preliminare della produzione industriale giapponese di luglio ha rilevato una crescita dell’1,3% su base mensile, nettamente superiore alle stime di aumento dello 0,3% ed alla precedente contrazione del 3,3%; su base annua il dato ha sperimentato un aumento dello 0,7%, anche in tal caso decisamente migliore delle stime di flessione del -0,6% e del precedente valore in flessione del 3,8%. Sempre in Giappone le vendite al dettaglio a luglio si sono contratte del 2%, dato peggiore delle attese di flessione dello 0,6% e della precedente crescita dello 0,5%.

In Germania le vendite al dettaglio di luglio sono scese del 2,2% su base mensile, maggiore della contrazione attesa al -1,3% ed in deciso peggioramento rispetto al +3,5% di giugno; su base annua hanno invece registrato un aumento del 4,4% e si confrontano con la precedente contrazione dell’1,4%.

A seguire sono previste le seguenti indicazioni: il tasso di disoccupazione di luglio (ore 10:00) e la lettura preliminare dell’inflazione di agosto (ore 11:00) in Italia; l’inflazione preliminare di agosto ed il tasso di disoccupazione di luglio della zona euro (ore 11:00); il Pil Italiano del secondo trimestre (ore 12:00); Spese e redditi personali negli USA a luglio (ore 14:30).

Borse

Chiusura decisamente positiva a Wall Street quella di ieri.

Lo S&P500 ha guadagnato l’1,27%, il Dow Jones ha registrato un +1,25% ed il Nasdaq è salito dell’1,48%.

Contrastate le borse asiatiche. Tokio ha chiuso in rialzo dell’1,19%, mentre Hong Kong e Shanghai stanno attualmente perdendo lo 0,48% e rispettivamente lo 0,16%.

Intorno alle 9:05 il Ftse Mib risulta in rialzo di appena lo 0,06% a 21.410 punti, il Dax consegue una salita dello 0,19%, il Cac 40 guadagna un lieve 0,07%, l’Ibex 35 sale dello 0,17% ed il Ftse consegue un rialzo dello 0,17%.

Sul fronte obbligazionario, sempre intorno alle 9:05, lo spread Btp-Bund risulta intorno ad un valore di 172 punti base, con il rendimento del decennale italiano all’1,03%.

Sull’azionario italiano da rilevare il beneficio dei bancari dato dalla riduzione dello spread.

 

 

Argomenti: , , , , , , , , ,

I commenti sono chiusi.