Borse Europee deboli nel primo pomeriggio

Predomina il clima di attesa sul fronte commerciale (sia per quanto riguarda USA-Cina che USA-UE), mentre la carrellata di dati macro sia dall'Asia che dall'Europa non danno troppo positive sui fondamentali dell'economia.

di , pubblicato il
Predomina il clima di attesa sul fronte commerciale (sia per quanto riguarda USA-Cina che USA-UE), mentre la carrellata di dati macro sia dall'Asia che dall'Europa non danno troppo positive sui fondamentali dell'economia.

Giornata debole per le borse europee, in un clima di attesa sul fronte commerciale (sia per quanto riguarda USA-Cina che USA-UE) e dopo la carrellata di indicazioni macro non troppo positive provenienti sia dall’Asia che dall’Europa.

Sono infatti stati diffusi i dati preliminari preliminari relativi al Pil del terzo trimestre del Giappone, che indica una crescita sia congiunturale (+0,1%) che tendenziale (+0,2%) in rallentamento ed inferiore alle attese.

La Germania sventa lo spauracchio della recessione tecnica ma la crescita del Pil trimestrale (preliminare) è ancora fiacca e non convince Francoforte. Non di molto migliori i dati preliminari del Pil trimestrale della Zona Euro cresciuto dello 0,2% t/t (in liena con le attese) e dell’1,2% a/a (lievemente superiore alle attese).

Intorno alle 13:40 il Ftse Mib, il Cac e l’Ibex segnano performance intorno la parità rispettivamente a 23.583 punti (+0,02%), 5.903 punti (-0,05%) e a 9.191 punti (-0,04%) mentre il Dax scende dello 0,39% a 13.178 punti.

Nel nostro listino svetta Diasorin a +4,03% (in scia al rumor di M&A di Qiagen) seguita da Telecom Italia a +2,61% e Azimut a +2,36%; si distinguono anche UBI a +1,58%, Hera a +1,24% (in scia ai conti) e Amplifon a +1%. Sul fondo troviamo Terna a -1,20%, Atlantia a -1,06% e Pirelli a -0,86%

Lo Spread BTP- Bund è salito a circa 165 punti base e il rendimento del decennale italiano si attesta a 1,328%.

Il cambio euro dollaro scambia al ribasso dello 0,11% a 1,0994 dollari mentre il Brent segna un rialzo dello 0,98% a 62,98 dollari per barile.

Argomenti:

I commenti sono chiusi.