Blockchain e mercati finanziari. Quali sono le implicazioni?

di , pubblicato il
Mentre la

Il termine blockchain, dall’inglese, si traduce in “catena di blocchi di informazioni” la cui funzione è quella di una banca dati, ma a differenza da quanto accade oggi, in cui l’archivio delle informazioni viene centralizzato in un database, (per esempio i server che custodiscono i dati di un’azienda o a quelli riguardanti operazioni bancarie), il Blockchain applica il concetto opposto di decentralizzazione attraverso una rete di computer (centinaia di migliaia di processori) che condividono le stesse informazioni. Nel caso dei Bitcoin la rete dei computer condivide lo stesso elenco relativo alle transazioni della moneta virtuale.

Grazie a tale strumento è possibile risalire quindi in modo univoco all’origine del prodotto che viene scambiato, pur mantenendo l’anonimato degli utenti. Altre possibili peculiarità della blockchain dovrebbero quindi essere sicurezza e trasparenza, poiché le modifiche dei dati sono trasmesse all’intera rete di Pc e per diventare effettive passare attraverso un meccanismo basato sul consenso della maggior parte dei processori in rete.

Quali implicazioni gli scambi sui mercati finanziari e nei sistemi di pagamento?

Le attività di negoziazione sui mercati finanziari sono tediose, lunghe e costose poiché coinvolgono una pluralità di operatori, da quelli nei sistemi di pagamento, al settlement, alla custodia degli asset, e possono riguardare più giurisdizioni. La nuova tecnologia consentirebbe invece di unire le fasi di trading con quelle post-trading tagliando i tempi di esecuzione e quindi i costi (Accenture stima che le banche di investimento potrebbero risparmiare il 70% delle spese di report e fino al 50% di quelle di compliance e di back-office).

Si tratta tuttavia di un arma a doppio taglio poiché le attività di back-office delle banche di investimento sono strettamente connesse alle infrastrutture informatiche di quelle depositarie, e l’esercizio delle loro attività è subordinato ad alcuni servizi forniti da queste ultime.

La sostituzione dei “custodian”  diventerebbe quindi un processo molto rischioso e potenzialmente molto dispendioso. Inoltre, le banche depositarie, le Borse valori e le società attive nelle operazioni di clearing house hanno in genere grandissime dimensioni e questo consente di realizzare alte economie di scala tagliando i costi legati alle loro attività.

La blockchain avrebbe importanti implicazioni anche sull’attività dei servizi di pagamento poiché, invece di coinvolgere molteplici operatori con operazioni poco trasparenti e dalla durata più o meno prolungata, permettebbe agli utenti di effettuare pagamenti e trasferimenti di asset in tempo reale e con un significativo risparmio in termini di costi.

La domanda cruciale è quindi se sarà la tecnologia ad inglobare il mondo dei mercati finaziari e degli investimenti o quest’ultimi a servirsi della prima. Tuttavia il network costruito da società come American Express, Visa o MasterCard è difficilmente attaccabile poiché più è esteso il numero di utenti della propria rete, più è alto il valore della stessa.

Applicazione al mondo immobiliare

La Dubai Blockchain Strategy, annunciata nel 2017, si pone lo scopo di trasformare l’intero catasto dell’Emirato arabo in un Blockchain, con transazioni che avverrebbero circa in 30 minuti. L’idea principale è semplice: le proprietà immobiliari di tutti i tipi possono essere trasformate in rappresentazioni digitali, costituite da uno o più token scambiabili separatamente. Lo scambio di questi token avviene attraverso un registro (un ledger) distribuito e connesso al catasto immobiliare. Il ledger garantisce che ogni token sia collegato a un bene effettivo e che abbia un unico possessore.

Sebbene sia semplice l’idea di base, la relativa applicazione risulta più complessa. Per maggiori informazioni si veda il sito di agenda digitale.

Si ricorda inoltre che l’applicazione di tale idea in Europa potrebbe essere potenzialmente vantaggiosa poiché i tassi delle obbligazioni a lunga scadenza si aggirano intorno allo zero; inoltre il mercato immobiliare è contraddistinto da investimenti elevati, alti costi di transazione e ampi tempi di attuazione.

Argomenti: ,