Banco Popolare è da comprare, Unicredit non più

BofA aggiorna le due valutazioni sulle due banche italiane mentre Banco Popolare vola a Piazza Affari.

di Enzo Lecci, pubblicato il

UNicredit UcrainaCambia la valutazione degli analisti di BofA su due importati quotate del comparto bancario in Italia: Unicredit e Banco Popolare. Questa mattina, infatti, gli esperti hanno alzato il rating sull’istituto scaligero e abbassato quello su Piazza Cordusio. Nello specifico il giudizio su Banco Popolare passa a buy dal precedente neutral con target price che resta invariato mentre il rating di Unicredit viene declassato da buy a neutral con prezzo obiettivo che scende a 6 euro. Nella nota sulla banca veronese, gli analisti hanno insistito sul peso dell’aumento di capitale da 1,5 miliardi di euro che sarà lanciato a fine marzo e chiuso nella prima settimana di aprile.

Banco Popolare: Bofa Merrill alza il Rating a Buy, target price inalterato

Unicredit: Bofa Merrill abbassa il Rating a Neutral, target price abbassato a 6.00

In questo contesto a Piazza Affari Unicredit sta mettendo in cassaforte l’1,29% mentre Banco Popolare avanza del 5,12%.  Su Banco Popolare è anche intervenuta Banca Imi che ha confermato il rating hold con target price che sale da 1,36 euro a 1,75 euro. Secondo gli analisti gli obiettivi del piano industriale di Banco Popolare sarebbero alla portata di mano. La vera sfida -prosegue Banca Imi – riguarda però la la capacità di abbassare il costo del rischio dai 185 punti base riportati nel 2013 a 70 punti base nel 2016 (Banco Popolare: Banca Imi alza il Target Price, rating inalterato).

 

 

Argomenti: Banco Popolare, Borsa Milano, Unicredit