Banco BPM: impatto non significativo da scioglimento accordi con Unipol e AVIVA

Banco BPM ha avviato il processo strategico di riassetto nel settore Bancassicurazione

di , pubblicato il
Banco BPM ha avviato il processo strategico di riassetto nel settore Bancassicurazione

Seduta davvero poco mossa per Banco Bpm che, dopo circa 45 minuti dall’avvio degli scambi, sta segnando una variazione dello 0,13%. Il piccolo passo in avanti, secondo alcuni traders da noi interpellati, deriva dal fatto che l’annuncio dell’avvio del processo di riorganizzazione strategia di Banco Bpm nel settore Bancassurance, avrà un impatto patrimoniale molto limitato sulla quotata.

Il primo atto dell’inizio della delicata operazione già prevista nel piano industriale ha riguardato precisamente la disdetta degli accordi siglati con il Gruppo Unipol e con il Gruppo Aviva.

Banco Bpm ha precisato che la scadenza al 30 giugno 2017 dei termini per la disdetta degli accordi di Bancassurance dell’ex Gruppo Banco Popolare ha costituito l’occasione per un confronto con gli attuali partner, rispettivamente il Gruppo Unipol per il business Vita (JV Vita) e il Gruppo Aviva per il business di protezione (JV Protezione). Dalle interlocuzioni intercorse è emersa la volontà di concludere l’esperienza sin qui maturata, prendendo atto dei diversi orientamenti dei soci nell’attuale contesto di mercato. La risoluzione delle due partnership (che si concretizza, in entrambi i casi, attraverso il mancato rinnovo degli accordi distributivi scadenti al 31 dicembre 2017) offre a Banco BPM l’opportunità di promuovere un processo volto a identificare nuovi assetti strategici nel settore del Bancassurance, in linea con gli obiettivi di sviluppo ed efficientamento del business assicurativo del Gruppo, a beneficio della clientela. Nell’ambito del delineato processo che Banco BPM ha avviato, primarie compagnie assicurative hanno manifestato il loro interesse nella partnership con Banco BPM.

Nella giornata di ieri, il Consiglio di Amministrazione di Banco BPM ha preso atto della disdetta da parte di Popolare Vita dell’accordo distributivo di prodotti assicurativi con la rete ex Banco Popolare. Popolare Vita è una compagnia assicurativa a cui fa capo la JV Vita partecipata dal Gruppo Unipol, che possiede il 50%+1 delle azioni di Popolare Vita per il tramite di UnipolSai Assicurazioni, e dal Gruppo Banco BPM che detiene la restante quota del capitale sociale. Popolare Vita controlla il 100% del capitale sociale di The Lawrence Life Dac, compagnia assicurativa di diritto irlandese operante nei rami vita.

Le due compagnie hanno raccolto nel 2016 premi pari a circa Euro 2,1 mld e hanno riserve complessive pari a circa Euro 10,3 mld.

Sempre nella giornata di ieri Unipolsai Assicurazioni ha comunicato l’esercizio di un’opzione di vendita della propria partecipazione in Popolare Vita nei confronti di Banco BPM, sulla base di quanto stabilito nel patto parasociale sottoscritto il 7 settembre 2007 tra l’ex Banco Popolare (oggi Banco BPM) e FondiariaSai (oggi UnipolSai Assicurazioni). La determinazione del prezzo di acquisto è ivi disciplinata da una specifica procedura che, inter alia, demanda la definizione del corrispettivo a due esperti indipendenti (una banca d’affari o una primaria società di revisione e un esperto attuariale) individuati all’interno di una rosa di candidati. Gli esperti dovranno procedere alle loro determinazioni in applicazione di metodologie concordate.

Argomenti:

I commenti sono chiusi.