Banche italiane: Standard and Poor’s vede un miglioramento nel 2018

"Italian banks will continue to heal in 2018" è il titolo di un report di Goldman Sachs dedicato alle banche italiane

di , pubblicato il

Quali sono le prospettive delle banche italiane nel 2018? E’ questa la domanda che gli analisti di Standard and Poor’s si sono posti nel loro report “Italian banks will continue to heal in 2018“. Secondo l’agenzia di rating le banche “appaiono oggi più in salute rispetto a quanto lo siano stati negli ultimi cinque anni”. Nonostante questo punto di forza, però, S&P ritiene che la “la prognosi non è del tutto chiara”. Gli analisti, in particolare, fanno riferimento a possibili rischi al ribasso sul settore che potrebbero presentarsi nel caso in cui il nuovo governo post elezioni politiche non si impegni più sulla strada delle riforme per il risanamento dei conti pubblici e la crescita economica. Tra gli altri elementi di debolezza, poi, Standard and Poor’s cita anche l’esposizione agli NPL e la debolezza strutturale.

Questi, secondo S&P, sono fattori che impediranno alle banche di garantire ritorni soddisfacenti.

Per quello che riguarda i numeri, a fine del 2017 S&P prevede 275 miliardi di euro di Npl, corrispondenti al 17% dei crediti alla clientela. Secondo gli analisti americani si tratta di un ammontare “elevato e coperto per metà dagli accantonamenti”.

Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.