Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca sotto esame BCE. Ultime novità su aumento capitale misto

di , pubblicato il
Si terrà oggi un importante incontro tra Padoan e il Commissario UE alla concorrenza Margrethe Vestager: sul tavolo il dossier Veneto Banca Popolare di Vicenza

Oggi potrebbe essere una giornata molto importante nell’ottica del rilancio di Veneto Banca e della Banca Popolare di Vicenza. Si terrà infatti nelle prossime ore a Bruxelles un atteso incontro tra il Ministro dell’Economia italiano Pier Carlo Padoan  e il Commissario UE alla concorrenza Margrethe Vestager. Sul tavolo del faccia a faccia tra i due rappresentanti ci sarà, tra gli altri, anche il dossier relativo alla Banca Popolare di Vicenza e a Veneto Banca.

I punti da sciogliere, dopo che entrambi gli istituti hanno fatto richiesta di accedere alla ricapitalizzazione precauzionale ossia al sostegno dello Stato da ottenere mediante garanzie, sono ancora tanti (Veneto Banca e Popolare di Vicenza: chiesto aumento capitale precauzionale).

Stando alle ultime notizie a riguardo, l’Europa attende di conoscere quelli che saranno i risultati definitivi delle adesioni all’offerta di transazione che Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca hanno presentato ai loro vecchi azionisti. E’ ovvio che se il target dell’80% dovesse essere raggiunto, Bruxelles potrebbe essere portata a guardare con maggiore favore al piano di rilancio dei due istituti. L’approvazione della proposta transattiva, però, non sarebbe la soluzione a tutti i problemi di un dossier che è ancora pieno zeppo di insidie. L’Europa, infatti, è chiamata ad esprimersi anche sulla capacità di Veneto Banca e Popolare di Vicenza di proseguire la propria attività dopo la copertura delle perdite.

Più in generale gli analisti ricordano che l’Europa può dare il via libera alla ricapitalizzazione precauzionale se Veneto Banca e Popolare di vicenza sono considerate solvibili. Questa condizione è necessaria in quanto, in base a quella che è la normativa vigente, i soldi pubblici possono essere usati per riportare il capitale a livelli di sicurezza, ma non per ripianare le perdite delle banche.

Altro punto non ancora chiaro in questo intricato dossier, riguarda l’eventualità che il Fondo Atlante e il Tesoro italiano possano partecipare ad una sorta di aumento di capitale misto. Questo scenario sarebbe una vera e propria novità mai vista prima nel settore bancario.

Argomenti: , ,

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.