Banca Mps: dopo ok Ue attesa per Srep

Tempi incerti per la ricapitalizzazione di Mps. Tecnici al lavoro per definire con esattezza il fabbisogno di capitale. Attesa per la soglia minima Srep dalla Bce

di , pubblicato il
Tempi incerti per la ricapitalizzazione di Mps. Tecnici al lavoro per definire con esattezza il fabbisogno di capitale. Attesa per la soglia minima Srep dalla Bce

L’accordo di principio raggiunto giovedì 1 giugno ha segnato un punto decisivo a favore di Mps nella partita a scacchi con l’Unione Europea. Il salvataggio sembra insomma smarcato, anche se il traguardo non è stato ancora tagliato, come dimostra l’assenza di dettagli tecnici nel comunicato diffuso da Bruxelles.

 

Per Mps sono infatti almeno un paio gli aspetti da chiarire prima di arrivare al via libera definitivo: la soglia minima dello Srep, che la Bce dovrebbe comunicare nei prossimi giorni anche alla luce della recente ispezione sui crediti, e soprattutto il prezzo di cessione dei 29 miliardi di euro di non performing loans. Questo secondo aspetto sarà sicuramente il più delicato e per il momento mancano gli elementi per prevederne l’esito. Credito Fondiario (Fonspa) e Italfondiario hanno infatti appena avviato la due diligence sull’immenso portafoglio destinato alla cessione e, secondo fonti ben informate, l’esame potrebbe prolungarsi sino a fine giugno. Anche perché, oltre all’aggiornamento sui valori per gli stock analizzati nell’autunno scorso, i due servicer dovranno passare al setaccio i circa 2 miliardi di euro di nuove sofferenze accumulate nel frattempo. Il prezzo sarà figlio di quel lavoro e consentirà di definire con esattezza l’importo del fabbisogno di capitale. Inizialmente si era ipotizzato un valore di cessione vicino al 25% del nominale ma oggi quell’obiettivo appare irrealistico e quasi certamente bisognerà scendere al 20%. Questo perché la cartolarizzazione dovrà avvenire a prezzi di mercato, con Atlante 2, Fortress e Elliott (azionista di Fonspa) che agiranno come compratori delle notes mezzanine e junior con un esborso complessivo di oltre 1,5 miliardi.

Argomenti: ,